Aiutiamo i nostri bimbi con la cucina buona

Scritto da Giuseppe Capano il 6 agosto 2013 – 19:51 -

Bibite mosaico Incrocio continuamente notizie e dati su alimentazione e salute cercando di fare in modo che la mia professione sia o diventi la strada maestra per coniugare al meglio i due aspetti.
Così leggo tantissime notizie e per abitudine le verifico e le confronto, un lavoro faticoso e a volte scoraggiante, ma purtroppo circolano in giro tante di quelle notizie fasulle che non c’è alternative.

Fasulle non tanto perché non riportino dati oggettivi presi da ricerche magari serissime, ma per la pessima abitudine di usarli e interpretarli secondo la convenienza personale, che può essere personale della persona o più frequentemente della lobby o associazione di turno.
Ad esempio devo ancora approfondire una notizia recente spinta a gran voce dall’associazione delle imprese dell’olio e che ci spiega candidamente come gli oli vegetali in generale, rimarcando con perspicacia anche le moderne margarine e creme spalmabili, non sono più un problema se riferiti alle disfunzioni organiche come colesterolo, obesità, ecc.
Tesi veramente curiosa e singolare, si parte da una ricerca seria anche qui, ma quello che sottolinea la fonte di origine probabilmente è ben altro!!!
Invece leggevo oggi di come ai nostri amorevoli piccoli stanno capitando sempre più malattie e patologie fino a poco tempo fa appannaggio solo dei grandi, se non addirittura degli anziani.
Non che grandi e anziani siano felici di averle solo loro, certo però è agghiacciante pensare che solo per la trascuratezza che riserviamo ai bimbi rispetto all’educazione alimentare e al “buon mangiare” dobbiamo oggi assistere a questo.
Si parla, tanto per intenderci, di un incremento del 27% di diabete, apnea notturna, pressione alta e dolori articolari, qualcosa di assurdo considerando che è dovuto in gran parte alla degenerazione di una generazione lasciate in balia dei fastfood e dell’industria alimentare.
Se poi penso a quegli sconsiderati dei miei colleghi che in televisione propagandano schifezze incredibili pur di guadagnare soldi a palate rimango senza parole, perché in effetti davanti a un genitore che si sente dire dal grande (?) chef che bere la famosa bibita di moda è “cosa buona e giusta” non ci sono parole di scusa.
Solo una sconsolata vergogna.

Junk Drinks


Tags: , ,
Postato in Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | 8 Commenti »


8 Commenti per “Aiutiamo i nostri bimbi con la cucina buona”

  1. Simona Scrive il ago 7, 2013 | Replica

    Ciao Giuseppe.
    Condivido pienamente il tuo articolo perchè è la mia battaglia personale contro la disinformazione dettata solamente da convenienze economiche personali. Vogliono farti credere che la luna è quadrata citando molte volte articoli scientifici nei quali, la maggior parte delle volte, c’è scritto ben altro o per lo meno in un ottica completamente differente da quella che il giornalista e/o altri di turno vogliono farti credere. Gli articoli scientifici sono sempre interpretati e manipolati in base alle sole ed esclusive convenienze personali etc… E’ estremamente difficoltoso fare informazione vera e disinteressata in un mondo purtroppo di artefatti, disinformazione e falsità. Purtroppo non fa più notizia la vera, scientifica e corretta informazione ma la cosiddetta “convenienza aggressiva gridata alla gente”. Più gridi, più dici…più sei bravo e fai soldi!!!! Noi però continuiamo per la nostra strada con la forza dell’onestà e correttezza. Un abbraccio con la stima immensa di sempre. Bacio ciao

  2. Giuseppe Capano Scrive il ago 7, 2013 | Replica

    Ciao Simona,
    ti risento con grandissimo piacere, anzi mi scuso per l’assenza, fra l’altro dovevi mandarti gli auguri di buone vacanze che spero siano state o saranno le migliori possibili.
    Mi conforto molto devo dire perché so di avere una compagna di alto livello e straordinaria competenza che percorre la stessa strada per quanto difficile, faticosa e tormentata.
    Come dici tu viviamo nell’epoca degli urli e della presunzione di sapere sempre la verità rispetto a tutti gli altri.
    La sensazione forte è che tutta questa gente non viva realmente, rimane sospesa in gabbie di illusione incredibilmente ridicole.
    Trovo invece che chi ha consapevolezza della propria strada e di ciò che conta realmente sia in ogni caso sereno dentro; tormentato, incavolato,stanco a volte di combattere, deluso e affranto, ma dentro con una serenità palpabile data dalla sensazione del giusto.
    Sono contento di percorrere queste strade insieme a te e altri di uguale impronta morale, sono molto contento e ringrazio infinitamente.
    Ricambio con la stessa stima, se non di più.
    Prometto di farmi risentire più spesso!!!!
    A presto e un abbraccio
    Giuseppe

  3. cry68 Scrive il ago 8, 2013 | Replica

    ciao chef bellissimo post. sono pienamente d’accordo su cio’ che hai scritto . a presto. cry68

  4. Giuseppe Capano Scrive il ago 8, 2013 | Replica

    Ciao Cry, ben ritrovata, grazie mi fa molto piacere la tua condivisione!!!
    A presto
    Giuseppe

  5. simona Scrive il ago 9, 2013 | Replica

    E’ vero è molto difficoltosa la strada che abbiamo intrapreso e qualche volta scoraggiante. Questi personaggi hanno la forza economica e quindi possono pagare per avere trasmissioni televisive, immagini ecc. Mi vergogno come professionista di vedere tali trasmissioni sia per quello che realizzano sia per quello che dicono. L’impatto mediatico è pero enorme e la pubblicitä altrettanta. Tutto è finalizzato alla sola vendita di un particolare prodotto. Intervengono nei commenti dei cosiddetti articoli di allarmismo giornalistico non con vere argomentazioni scientifiche (non sono in grado!!!) ma con post che fanno dedurre la vendita di un prodotto. Mi consola il fatto di non essere comunque da sola e di avere al mio fianco persone “GRANDI,ONESTE e VERE” come te. Grazie chef. Bacio e abbraccio

  6. Giuseppe Capano Scrive il ago 9, 2013 | Replica

    Simona ricambio di cuore baci e abbracci.
    Per il resto inutile aggiungere altro, sottoscrivo tutte le tue ultime parole.
    A presto
    Giuseppe

  7. Míroel Scrive il set 18, 2013 | Replica

    Ciao Giuseppe,
    Il tuo blog è molto bello ed interessante, anche a livello “teorico”, ti faccio i complimenti!
    Sinceramente trovo che il marketing che operato dalle aziende ormai abbia totalmente soggiogato le menti dei consumatori.
    Basti pensate che se si prova a mettere al corrente una persona comune dei rischi che possono portare certi alimenti ci viene risposto che “se li vendono vorrà dire che non sono poi così male”, queste risposte sono molto diffuse purtroppo poiché la gente è arrivata a fidarsi totalmente di tutto ciò che viene immesso sul mercato, specie se le case produttrici sono famosissime multinazionali.
    Per di più vale la regola: più viene pubblicizzato un prodotto e più esso dev’essere valido!
    Personalmente quando posso cerco di limitare l’assunzione di carne perché so che spesso gli animali vengono imbottiti di ormoni ed antibiotici, per non parlare poi delle condizioni in cui vivono…
    Nel mio blog mi occupo di cosmesi-igiene ecobiologica poiché, informandomi, sono venuta a conoscenza che i marchi più pubblicizzati sono quasi sempre i peggiori che non fanno altro che sfornare dei prodotti vuoti e pieni zeppi di petrolati, cessori di formaldeide e altre ” schifezze” adornandoli con etichette accattivanti e slogan pieni di promesse.

    Buona giornata!

  8. Giuseppe Capano Scrive il set 19, 2013 | Replica

    Cara Miroel,
    ti rispondo un po’ in ritardo ringraziandoti molto per i tuoi apprezzamenti.
    Purtroppo sulla questione del marketing hai pienamente ragione, anche se una parte sana di persone che sa pensare con consapevolezza e lungimiranza per fortuna esiste e la speranza è che con il tempo aumenti sempre di più.
    Poi c’è anche lo strapotere pubblicitario, una pratica commerciale che di per se non è negativa se ci fosse un equilibrio e una correttezza che di fatto non esiste, fatto salve le eccezioni.
    Ho dato un occhiata veloce al tuo blog, molto interessante.
    Se ho tempo approfondisco.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento