Alberelli ripieni per il prossimo natale

Scritto da Giuseppe Capano il 3 dicembre 2012 – 22:12 -

Ravioli natalizi verdi ad alberello 318Pressato dalle molte richieste inizia già da oggi a mettervi una ricetta del corso di cucina con menu natalizio vegetariano di cui vi raccontavo ieri.
È un mio classico, pubblicato diversi anni fa sulla “mia” rivista (per modo di dire ovviamente, non vorrei che pensasse che ne sia il proprietario!!), l’imperdibile Cucina Naturale capostipite anche di questo blog.

Un piatto che è stato stra copiato da molti con diversi adattamenti, ma questo non mi dispiace di per se, forse secca un po’ quando non si cita la fonte e si abusa di meriti non propri, ma il mondo non è perfetto altrimenti staremmo tutti già in paradiso!!
Comunque visto il natale e il tema del menu ne ho proposto ai miei allievi una versione leggermente diversa, più che altro cambiando il tipo di ripieno.
L’obbiettivo del corso era anche dare la possibilità di fare ricette senza prodotti di origine animale suggerendo le eventuali modifiche e in questa abbiamo appunto segnalato i piccoli cambiamenti da fare per arrivare a centrare questo scopo.
Ad esempio nella pasta fresca non è così necessaria la presenza delle uova, la loro funzione ha senso perché aiutano a legare, non sono li per casualità, ma basta un po’ più di impegno e attenzione e nell’impasto si possono escludere.
Succede solo che così avete una pasta più morbida e meno elastica, si tratta allora di lavorarla con molta farina quando si stende e cuocerla con un po’ più di attenzione senza eccedere con la forza di bollitura.
Insomma un po’ di delicatezza in più, quella delicatezza che le uova vi permettono di superare senza per questo, come detto, essere indispensabili.
Per il ripieno invece la soluzione è molto semplice, basterà sostituire la ricotta con del tofu morbido o anche lasciare i soli carciofi magari arricchiti con un poco di mollica di pane e della frutta secca tostata, direi su tutti delle buone nocciole.
Per altro le nocciole ci sono avanzate anche durante la lezione e allora le abbiamo messe insieme a ricotta e carciofi nel ripieno, il gusto ne guadagna parecchio, sempre se piacciono e non si hanno problemi alimentari specifici.
Un ultimo cambiamento si può fare sulla “neve” finale sostituendo il formaggio grattugiato con pinoli o anche mandorle tritate, ma questo lo si suggerisce già nella ricetta.
Come vi consiglio sempre, comunque, personalizzate e lasciate aperta la porta alla vostra creatività facendo le modifiche e i cambiamenti che ritenete più ispiranti o aderenti al vostro pensiero, come dicevo a inizio post non mi offendo!!
Ora a voi la ricetta.

 

Ravioli natalizi verdi ad alberello

Ravioli natalizi verdi ad alberello 518

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 g di spinaci freschi,
  • 175 g di farina bianca,
  • 100 g di farina di semola di grano duro,
  • 1 uovo,
  • 3 carciofi,
  • 1 limone,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato,
  • 200 g circa di ricotta di pecora o in alternativa tofu,
  • 1 scalogno,
  • 75 ml di vino bianco,
  • 400 ml di pomodori pelati,
  • 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato o 20 g di pinoli,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare gli spinaci, metterli in una casseruola con la sola acqua di lavaggio e lessarli per 5 minuti, scolarli, intiepidirli, strizzarli bene e frullarli riducendoli in crema o passarli al setaccio, impastare le due farine con un pizzico di sale, la crema di spinaci e l’uovo, coprire e lasciare riposare un’ora.
  2. Mondare i carciofi dalle foglie esterne più dure e dalle punte, tagliarli a metà eliminando l’eventuale barbetta interna, affettarli e metterli a bagno con acqua allungata con il succo di limone.
  3. Sbucciare l’aglio, tritarlo e rosolarne velocemente metà in una padella insieme a 2-3 cucchiai di olio e 1 cucchiaio di prezzemolo, aggiungere i carciofi scolati dal proprio liquido, salarli, coprirli e cuocerli per 10-15 minuti a calore medio basso, intiepidirli, tritarli finemente e mescolarli con la ricotta o il tofu leggermente frullato.
  4. Sbucciare e tritare lo scalogno, rosolarlo per 5 minuti insieme a 2-3 cucchiai di olio, bagnarlo con il vino bianco lasciandolo evaporare, aggiungere i pomodori passati, salare e cuocere per 10 minuti circa.
  5. Stendere la pasta in sfoglie e ricavare una serie di formine con uno stampino a forma di alberello di natale, distribuire su metà di esse il ripieno, ricoprire con le restanti e sigillare i bordi.
  6. Lessare la pasta per 5 minuti e servirla nei piatti rivestiti da uno strato di salsa di pomodoro calda, cospargere con il parmigiano grattugiato o i pinoli tritati a simulare della neve.

Tags: , ,
Postato in Primi, Ricette di stagione, Ricette vegetariane | 4 Commenti »


4 Commenti per “Alberelli ripieni per il prossimo natale”

  1. Elettra Scrive il dic 4, 2012 | Replica

    Complimenti, sono fantastici questi alberelli, fanno una scena in tavola !!!
    Li avevo fatti – veganizzandoli – anche io anni fa, dopo averli visti sul giornale, poi li ho pubblicati anche qui: http://lacucinavegana.blogspot.it/2011/12/alberelli-di-natale-ai-porcini.html ! :-D
    Ciao,
    Ele.

  2. Giuseppe Capano Scrive il dic 4, 2012 | Replica

    Ciao Elettra,
    grazie dei complimenti, si sono une bel vedere e gustare!!!
    Sono andato a sbirciare il tuo post di cui hai messo il link, devo dire che anche a te sono venuti bene, ottima interpretazione.
    A presto
    Giuseppe

  3. cry68 Scrive il dic 10, 2012 | Replica

    che meraviglia….. complimenti . mi invogli sempre ha provare nuove ricette , meno male chef , tu mi salvi.
    pensavo proprio:<< ma che prepararo in questa feste?
    domani compro la rivista che come ti ho gia' detto è un po' introvabile e giuro che con l'anno nuovo mi abbono . buona serata cry68

  4. Giuseppe Capano Scrive il dic 10, 2012 | Replica

    Ciao Cry,
    grazie è un bel conforto e consolazione pensare di “salvare” gli altri, almeno in cucina!!
    Guarda penso che l’abbonamento ti convenga in tutti i sensi, purtroppo la distribuzione delle riviste nei canali tradizionali è soggetta a dinamiche perverse che neanche immagini, non per nulla siamo in Italia!!!!
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento