Alternative di frutta e ruolo dell’olio

Scritto da Giuseppe Capano il 22 luglio 2016 – 16:30 -

Pesche vegetariamoci 318Una piccola appendice al post pubblicato ieri per mettere in risalto una cosa che avevo tralasciato e fornire alcune alternative all’ananas che prontamente Arianna mi ha chiesto.
Con giusta cognizione di causa devo dire visto che di per se non è un frutto che ci appartiene più di tanto, nel mio caso c’è stata una concomitanza di eventi, ma sono d’accordo sul fatto che sia utile fornire altri accoppiamenti con frutti nostri e di stagione!

Prime candiate al posto dell’ananas sono le pesche, ne trovate di tanti tipi e in questo caso forse preferirei quelle a pasta gialla, molto succose e dolci, vedrei meno quelle a pasta bianca e soprattutto le pesche noci
Qui in vacanza ho visto però sui banchi del mercato anche delle belle e buone prime pere di stagione, piccole di dimensione ma molto adatte nella torta.
Potremmo optare anche per delle belle e arancioni albicocche, giusto ieri qui in Calabria ne ho assaggiate di fantastiche, tanto per cambiare appena colte dall’albero e di un gusto stratosferico come da tempo non mi capitava di sentire.
Nell’impasto poi indico farina tipo 1, ma potete tranquillamente usare una 100% integrale o fare metà e metà, per chi ha problemi con i latticini il latte si può sostituire con una bevanda vegetale, preferibilmente avena o miglio.
Il malto di mais con uno sciroppo di cereali come riso o grano, con un miele preferibilmente di agrumi o arancia, uno sciroppo di acero o agave.
Notate poi la bella sorpresa dell’uso dell’olio di oliva come grasso di preferenza nel dolce, ci sta benissimo, aiuta nella gradevolezza complessiva, contiene di molto le calorie perché ha una resa elevata e ne basta meno, soprattutto se lo scegliete con un fruttato forte.
Senza farvi spaventare dai suoi sentori amari e pizzicanti perché come ho più volte dimostrato dal vero in assaggi mirati l’eccellente olio delle olive dal carattere forte e incisivo nei dolci si armonizza in maniera eccellente grazie alla frutta dimostrando tutta la sua straordinaria “bellezza organolettica”!!!

Torta di ananas con prugne viola 518 bis


Tags: , ,
Postato in Alimenti, Cibo, Dolci e Dessert, Frutta, Olio-Cibo, Pasticceria all'olio | 2 Commenti »


2 Commenti per “Alternative di frutta e ruolo dell’olio”

  1. Elena Scrive il Jul 23, 2016 | Replica

    Molto interessanti questi discorsi e le sostituzioni proposte…anche le 2 uova si potrebbero sostituire…con farina di semi di lino o yogurt di soia…qualcuno sostiene che l’olio d’oliva si percepisce di più se nella ricetta si dolcifica col malto, mentre in presenza di zucchero il sentore di olio si smorza…ma non ho mai provato a fare un test…

  2. Giuseppe Capano Scrive il Jul 24, 2016 | Replica

    Ciao Elena,
    grazie.
    Non c’è bisogno di fare un test, se vuoi te lo confermo io; con lo zucchero, soprattutto di canna e soprattutto abbinato con la frutta, l’olio di oliva nei suoi caratteri più forti e intensi si percepisce piacevolmente di meno.
    Per le uova si, possono essere sostituite come racconti tu, ma direi che il sostituto migliore è senza dubbio lo yogurt di soia, sia come resa tecnica in questo caso che come sapore complessivo del dolce.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento