Che bello criticare il biologico

Scritto da Giuseppe Capano il 23 ottobre 2012 – 18:17 -

Scritta bio pomodori 318Devo trovare tempo e spazio per darvi alcune dritte su quali alternative usare per consumare meno sale come promettevo ieri e questo è un punto che mi segno.
Sulla stessa rivista in cui si segnalava l’eccesso continuo di sale si riportava un altro studio dell’università americana di Stanford che con una certa enfasi è arrivato alla conclusione che gli alimenti coltivati con il metodo biologico non hanno di per se alcun vantaggio nutrizionale e allo stesso tempo non possono definirsi più sani di quelli coltivati con il metodo convenzionale.

Una buona notizia per i detrattori di questo metodo di coltivazione e direi stile di vita oramai, a cui non pare vero di poter vantare una ricerca così articolata a loro favore.
Gli studi analizzati dalla ricerca sono stati ben 240 e sono stati presi in considerazione da un lato le componenti nutritive e il carico o presenza di pesticidi e inquinanti vari, dall’altro l’influenza che il consumo di cibi biologici ha sull’organismo in termini di maggiori entrate di nutrienti preziosi come minerali e vitamine.
L’unico, quanto “unico” ci sarebbe da discutere molto, vantaggio riconosciuto dalla ricerca agli alimenti biologici è la minore presenza (fino al 30%) di pesticidi e per quanto riguarda l’allevamento della carne un migliore rapporto tra microbi e resistenza agli antibiotici, per altro quasi del tutto assenti negli allevamenti bio.
Tutto questo riportato con una sorta di maliziosa soddisfazione.
È una ricerca, seria, ma una ricerca, farne una questione di inquietudine non ne vale la pane, personalmente penso che il mondo del biologico abbia molte colpe ultimamente, la deriva che alcune tendenze hanno preso non aiuta in prospettiva (pensiamo al continuo errore di mettere in commercio prodotti bio fuori stagione).
Ma il concetto, la filosofia, il metodo, il rispetto per la madre terra e i suoi abitanti, anche il sogno se volete, che è all’interno dell’idea di biologico non ha bisogno di ricerche scientifiche per essere convalidato.
Fosse solo un segnale, un esempio, una spinta sarebbe già importante, invece è molto di più, è un seme di coscienza e consapevolezza, quella consapevolezza che è merce molto rara e se un “qualcosa” ce la fa ritrovare non possiamo essergli che immensamente grati.
E soprattutto su questo che dobbiamo riflettere e farne un pregio.

Insalata bio 518


Tags: ,
Postato in Cibo, cultura e società, Cucina Biologica, Mondo alimentare | 6 Commenti »


6 Commenti per “Che bello criticare il biologico”

  1. Nadir Scrive il ott 24, 2012 | Replica

    Per quanto mi riguarda se a parità di nutrienti il biologico ed il biodinamico apportano meno pesticidi al mio organismo mi nutro con loro.
    Il problema, piuttosto, sta nelle frodi e come dici tu nel fatto che sia presente sul mercato anche con prodotti fuori stagione; e, opinione strettamente personale, si compone spesso di cibi preconfezionati (merendine, biscotti e quant’altro) che a mio avviso possono solo diminuire il valore nutrizionale degli ingredienti (biologici o meno che siano).
    Ciao e buona giornata

  2. cry68 Scrive il ott 24, 2012 | Replica

    ciao io al riguardo ti dico la mia.
    è da poco che sono passata al biologico andando nei vari centri bio e comprando anche direttamente frutta e verdura da loro . ogni volta che parlo di come faccio la spesa tutti o quasi mi rispondono , ma sei matta spendi il dobbio e mangi le stesse cose . io ormai percorro questa strada perchè penso alla mia salute e non importa se spendo di piu’ vado avanti cosi .
    addirittura adesso ho iniziato anche con i cosmetici naturali e sai che bella soddisfazione non impastarsi la faccia di vere e proprie schifezze che la mia pelle prima assorbiva . ti auguro una piacevole giornata . ps. mi hanno regalato una cassetta di cachi, chef che ci faccio? grazie cry68

  3. Giuseppe Capano Scrive il ott 24, 2012 | Replica

    Ciao Cry,
    fai più che bene a seguire questa strada, ognuno da priorità a quello che crede meglio e non è certo il parametro economico la misura per valutare le azioni degli altri.
    Sui cachi ci penso, sul blog ci sono già delle ricette, appena ho tempo ti metto qualche link e suggerimento.
    A presto
    Giuseppe

  4. Giuseppe Capano Scrive il ott 24, 2012 | Replica

    Ciao Nadir,
    hai ben più che una ragione riguardo ai cibi preconfezionati, un po’ come la stagionalità con questo modo di fare si smentiscono nei fatti tutti i buoni presupposti di base e si presta il fianco a facili critiche e osservazioni.
    Una merenda pronta può servire e non è disprezzabile di per se, ma sempre con riguardo alla componente nutrizionale e ai dosaggi di consumo, altrimenti è difficile sostenere reali differenze con il prodotto tradizionale.
    Buona giornata a te.
    Giuseppe

  5. Michele Tuveri Scrive il ott 24, 2012 | Replica

    ciao Giuseppe, hai notato benissimo il pensiero a monte della comunicazione dei risultati di quella ricerca: hanno mostrato come vantaggi del non biologico delle equivalenze. Se dici che a parità di tutto ho meno pesticidi col biologico fa un altro effetto, no? Per le furbate più o meno truffaldine (merendine, fuori stagione e simili), non vorrei cadere dal pero, ma anche queste non sono distribuite metodicamente dove il ladro o il furbo riesce a farcela? Che sia biologico o no, che sia cibo o altro. Insomma, ancora una volta, proviamo a non abboccare e non compriamo. Così, biologico o no, individualmente e nell’immediato cerchiamo di fare il meglio che ci riesce e, dai e dai, potremmo influenzare chi ci vuole guadagnare (non necessariamente ladro). Teniamoci informati :-)
    grazie e a presto
    michele

  6. Giuseppe Capano Scrive il ott 25, 2012 | Replica

    Ciao Michele,
    si è così si tratta di tenersi ben informati, attenti e consapevoli a prescindere, come anche avere la capacità di saper interpretare con il proprio buon senso le notizie mantenendo una propria autonomia critica.
    Per il resto sottoscrivo in toto le tue osservazioni.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento