Condimento alla salvia e pasta

Scritto da Giuseppe Capano il 18 maggio 2015 – 23:18 -

Conchigliette con fonduta profumata alla salvia 318Torno a parlare della salvia, la profumata erba comune e conosciuta da tutti, perché avevo lasciato in sospeso la promessa di provare a realizzare il condimento che descrivevo in questo post di oltre una settimana fa.
Si trattava di riprovarlo e abbinarlo trovando un compagno di ventura, l’accostamento primario è stato con un primo piatto e se il tempo me lo avesse permesso sarebbe stata nelle mie intenzioni una pasta fresca ripiena, ma le intenzione sono una cosa le proprie forze un altra!!!

Sommerso dalla stanchezza sono sceso al compromesso di usare una pasta pronta, tutto sommato mi serviva riprovare il condimento per confermarne o meno la validità.
Avevo dalla mia se devo essere sincero già una base di fonduta di formaggi per cui alla base di patate cotte in latte è bastato aggiungerla unendo in ultimo le foglie di salvia fresche.
Prima di passare alla ricetta due curiosità su questa intensa erba che fa derivare il suo bel nome dal latino salvus (sano) lasciando intravedere così le sue doti innate e i suoi possibili (spesso certi) effetti curativi.
Nei paesi occidentali nei secoli passati le foglie di salvia erano l’erba prediletta per aiutare a dormire evitando i possibili incubi, oltre alle sue foglie si ricorreva a un rituale preparatorio il cui esito sarebbe magari da riprovare, almeno per chi di incubi ne vive parecchio!
Dall’altra parte del mondo, invece, per i Pellerossa la salvia era (e il nome locale lo esplicitava chiaramente) l’erba dello spirito e del mondo esoterico.
Le foglie erano avvolte da un alone di magia tanto da rientrare nel rituale dell’inipi, la capanna sudatoria, oltre che per gli altri atti di purificazione prima di una cerimonia, insieme a compagni aromatici come il cedro.
Adesso la ricetta, un po’ perfezionata rispetto al semplice condimento di origine!

 

Conchigliette con fonduta profumata alla salvia

Conchigliette con fonduta profumata alla salvia 518

Ingredienti per 4 persone:

  • 20 foglie di salvia fresca,
  • 400 g di patate,
  • 500 ml di latte,
  • 2 foglie di alloro,
  • 150 g di formaggio morbido a scelta,
  • 150 g di fagiolini verdi,
  • coriandolo in grani,
  • 320 g di conchigliette o altra pasta a scelta,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lasciare in infusione a bagnomaria per 10 minuti circa 2-3 cucchiai di olio insieme a 2 foglie di salvia fresca spezzettate finemente.
  2. Sbucciare le patate, lavarle, tagliarle a cubetti e metterle in una casseruola insieme al latte allungato con altrettanta acqua.
  3. Aggiungere l’olio alla salvia filtrato, le foglie di alloro e una macinata abbondante di coriandolo, salare poco e cuocere per 15 minuti circa fino a intenerire la patata.
  4. Pulire i fagiolini e lavarli, lessarli al dente in abbondante acqua bollente salate, scolarli con una schiumarola e nell’acqua di cottura lessare la pasta.
  5. Tagliare i fagiolini in piccoli bastoncini e condirli con 1-2 cucchiai di olio mescolato a 2-3 foglie di salvia tritate.
  6. Eliminare le foglie di alloro dalle patate e unire il formaggio morbido tagliato a dadini, lasciarlo sciogliere e frullare il tutto con le foglie di salvia rimaste.
  7. Scolare le conchigliette al dente non troppo asciutte, metterle nei piatti e ricoprirle con la salsina bianca alla salvia accompagnando con i fagiolini verdi.

Tags: , , ,
Postato in Cucinare con poco, Primi, Ricette senza Uova, Ricette vegetariane | 2 Commenti »


2 Commenti per “Condimento alla salvia e pasta”

  1. Krasniqi Scrive il May 19, 2015 | Replica

    Ciao guseppe,complimenti di nuovo ,si che chuesto un piato meraviglioso da vedere ,figurati da mangiare ,non vedo ora di provarlo a farla,!!!!! Grazie

  2. Giuseppe Capano Scrive il May 19, 2015 | Replica

    Grazie,
    mi fa piacere ti sia piaciuto, spero ti piacerà ancora di più quando lo proverai!!!
    Spero che da voi qualche miglioramento in cucina si stia vedendo!
    Grazie ancora e a presto.
    Giuseppe

Aggiungi un commento