Esplorare tutti i territori del cibo

Scritto da Giuseppe Capano il 11 ottobre 2014 – 21:32 -

Broccoletti 518Con l’autunno ritorna ad avere la sua presenza stagionale naturale uno degli ortaggi più affascinanti e semplici, almeno per come riesco a vederlo io che con la sua verde chioma ho fatto già un numero interessante di ricette.
Intanto è un fiore per come si presenta fatto di altri innumerevoli fiori dal verde acceso, lasciatemi questa licenza anche se dal punto di vista strettamente botanico non è proprio la descrizione più corretta!

Mi piace veramente tanto e ancora prima dell’aroma di incredibile bontà mi piace il suo colorare di verde gli altri compagni di viaggio in un piatto, il suo poter diventare piccoli alberelli al servizio di strategiche decorazioni piuttosto che esaltatori di ingredienti meno visibili, la sua pastosità e cremosità una volta diventato fine vellutata avvolgente.
Quanto si può fare con una semplice verdura così?
Tanto, tantissimo, e la sfida in cucina dovrebbe essere proprio in questo, nell’esplorare tutti i territori sterminati che ogni prodotto consente di visitare lasciando abbagliare gli occhi dalle tante meraviglie che nasconde.
Questo senza porre a livelli diversi ciò che si cucina, ma pensando e ritenendo che ogni cosa, ogni cibo, ogni elemento, ogni oggetto della natura ha dentro immensità il cui unico limite è la nostra capacità di immaginazione e il coraggio di saper viaggiarci dentro.
Negli ultimi giorni dentro i broccoletti ho viaggiato parecchio e presto ve ne racconterò i sentieri dove essi mi hanno portato, intanto me ne godo ancora la bellezza!!!

Broccoletti a vapore 518


Tags:
Postato in Alimenti, Cibo | Nessun commento »

Aggiungi un commento