Frutta mon amour

Scritto da Giuseppe Capano il 6 ottobre 2011 – 23:14 -

Libro fruttaLeggevo e riflettevo sulla notizia appresa ieri che riportava come gli Italiani mangiano meno frutta e verdura, il 22% rispetto a 10 anni fa.
Una tendenza messa in relazione con l’impressionante aumento dei casi di obesità in base ai dati forniti dalla Fondazione Adi (Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica) in occasione dell’obesity day.
Spulciando i dati si apprende che gli adulti con problemi di eccesso di peso sono il 46% della popolazione, quasi uno su due, questo nella patria della dieta mediterranea.

Secondo la Coldiretti gli acquisti di frutta e verdura delle famiglie italiane sono passati da 450 chili a famiglia all’anno del 2000 ai 350 chili del 2010, una riduzione di 100 chili annui che concordo sia un dato “estremamente allarmante” per la salute degli italiani.
Fra l’altro il trend calante continua imperterrito anche nel 2011.
Sulle cause la Coldiretti ha un opinione precisa che intravede nella moltiplicazione dei prezzi dal campo alla tavola con un parallelo crollo del reddito degli agricoltori.
Presumibilmente è una delle cause, non certo l’unica, a me impressiona molto di più la massiccia campagna di diseducazione, cosciente o no, portata avanti da molte industrie del settore alimentare le quali riducono il problema della corretta alimentazione a un puro fato di risparmio di tempo, praticità organizzativa, consumo di prodotti stagionali in ogni periodo dell’anno pur di consumarli sempre, vanto di ipotetici effetti salutistici spesso semplicemente gonfiati ad arte.
Comunque tornando alla notizia il calo del consumo di frutta è senza dubbio quello più allarmante, visto che per quanto discutibile il canale del surgelato è presumibile che compensi almeno in parte il calo del consumo di ortaggi freschi, cosa impossibile con la frutta.
Se è vero (di questi tempi ancora poco, purtroppo) che la cucina deve essere al servizio della società contemporanea facendosi carico di tracciare strade e offrire soluzioni, cosa possono fare i professionisti del settore per rivalutare il ruolo della frutta?
Tanto io credo, talmente tanto che personalmente ho dedicato un intero libro all’uso della frutta in cucina, un libro che spinge intanto a riflettere su un alimento carico di falsi pregiudizi e poi fornisce tante sorprendenti soluzioni per utilizzare la frutta in tutte le portate di cucina e godere degli enormi effetti benefici sull’organismo.
Non a caso diverse ricette che ho pubblicato sul blog vedono protagoniste frutta di stagione come pere e mele, in sequenza i link numerati dove trovarle: 1, 2, 3, 4, 5.
Buona scorpacciata di frutta.

Insalata con pecorino e sesamo


Tags:
Postato in Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento