Giusto un saluto prima di crollare a letto

Scritto da Giuseppe Capano il 28 giugno 2013 – 23:34 -

Lenticchie belugaL’ora è tarda, decisamente tarda e le mie forze ormai sono andate, per cui arrivo all’appuntamento con il blog in netta difficoltà.
Rimando a domani la bella ricetta che nelle sperimentazioni di oggi è venuta fuori, stavamo “giocando” con le bellissime lenticchie beluga e il fantastico riso rosso.

Entrambi preparati per la cena che questa sera abbiamo messo in campo sono poi diventati anche il piatto extra che vedete in foto e che ancora devo scrivere nei dettagli.
Giusto per ingolosirvi il menu di questa sera prevedeva:

Antipasto di benvenuto
Macedonia di verdure stagionali con salsina di piselli alla menta
Piatto principale
Riso rosso allo zenzero con crema di zucchine
Gran piatto di accompagnamento
Sedano marinato con lenticchie beluga, carote e olive verdi
Paté di ceci al basilico e pomodori
Sformati di melanzane con salsina di funghi
Dessert
Cialde croccanti ai pistacchi con gelato e cioccolato

Ve ne racconterò meglio a mente lucida e sempre a mente lucida vorrei parlarvi in maniera più approfondita delle lenticchie beluga.
Saluto nel frattempo Michele e ne approfitto per rispondere alla sua domanda sullo zenzero: sicuramente è meglio in assoluto quello fresco, la versione secca in polvere è particolare e la sua resa dipende dalla qualità e produzione all’origine.
Però è interessante per dare un tocco di piccante dolciastro agli impasti con meno intensità rispetto alla versione fresca, spesso lo uso in sfoglie croccanti di acqua, farina e olio, trovi la sua resa interessante in questo specifico caso, come anche con le frittelline.
Scusate ma ora crollo a letto.

Riso rosso e beluga


Tags:
Postato in Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento