Gli alimenti primi da consumare quotidianamente

Scritto da Giuseppe Capano il 19 giugno 2012 – 17:11 -

NociVisto che parliamo spesso di cibi funzionali alla prevenzione e al mantenimento di un buono stato di salute mi è venuto in mente che potrebbe essere utile selezionare una serie di alimenti primi da consumare quotidianamente.
Ad esempio io includerei giornalmente una certa dose di curcuma di cui parlavamo pochi post fa, come anche i preziosi semi di lino e l’immancabile tè verde, che personalmente bevo a litri.

Ma credo che ognuno possa fare la sua lista personale, anche perché non tutti abbiamo le stesse esigenze e per alcuni potrebbe essere più strategico consumare un alimento che in apparenza ha meno potenziale di un altro in termini assoluti.
Per cui il breve post di oggi è in realtà un invito, quello di segnalarmi gli alimenti che voi riterreste giusto consumare giornalmente o quanto meno con una certa frequenza.
Potrebbe essere un utile strumento di confronto e per me uno stimolo a creare più ricette tenendo conto di queste indicazioni.
Io ne ho già elencati tre, potrei continuare indicando la frutta secca in guscio (con la preziosa avvertenza di sgusciarla solo poco prima di consumarla, tranne le poche eccezioni che riguardano ad esempio i pinoli), i legumi scegliendo tra le tante varietà che si possono vantaggiosamente consumare, l’olio di oliva con tutte la sua valenza salutistica malgrado sia un puro grasso o come meglio amo definire io un puro succo di olive.
Volutamente non aggiungo altro, l’elenco potrebbe continuare per un bel pezzo, perché aspetto le vostre osservazioni in merito.
Del resto di quali alimenti uso di più credo che avete avuto già ampia prova dalle tante ricette presenti nel blog, per cui ora tocca a voi.

Panorama alimenti funzionali


Tags:
Postato in Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | 14 Commenti »


14 Commenti per “Gli alimenti primi da consumare quotidianamente”

  1. Nadir Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    i primi che mi vengono in mente sono:
    – frutta e verdura di stagione (e fresca)
    – semi oleosi (zucca, girasole, sesamo…)

    poi ripasserò a leggere, buona giornata :)

  2. Chiara Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Ciao! Io quotidianamente non mi faccio mai mancare alghe, riso integrale e carote…bhè, poi anche un funghetto shitake riesco semre ad incastrarlo un po’ ovunque! E anche la curcuma, che ho scoperto da poco, ma che adoro, soprattutto con il riso!
    Poi uso semore volentieri le erbe aromatiche, con una predilezione per salvia e rosmarino…
    Ah, amo molto anche il malto di riso, anche se in certe preparazioni non dà ottimi risultati…
    Resto in attesa di spunti e idee, come sempre ottimi motori per la fantasia e la creatività personale!!
    Chiara

  3. maria rosa Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    ho trovato interessante il post riguardante la curcuma, non ci avevo proprio pensato, grazie. Per quanto riguarda i semi di lino sono un po’ confusa sul come consumarli….interi, messi prima a bagno, sotto forma di farina……
    Se posso aggiunger un mio contributo, i germogli.
    Grazie e buona giornata

  4. Giuseppe Capano Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Ciao Nadir, buon inizio per un elenco di alimenti funzionali, raccolgo altre testimonianze nel frattempo e poi vediamo cosa viene fuori.
    A presto
    Giuseppe

  5. Giuseppe Capano Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Ciao Chiara, riso integrale un must, avrei dovuto metterlo subito anch’io, ottime le erbe aromatiche tutte, lo shitake ha un ottima fama ma personalmente lo conosco poco. Aspetto altre testimonianze, poi tiriamo le somme con magari un altro post a seguire con più indicazioni pratiche.
    A presto
    Giuseppe

  6. Giuseppe M. Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Personalmente cerco, da un anno a questa parte, di non farmi mai mancare:
    – olio e.v.o. (prodotto dal sudore di mio padre)
    – semi di lino, sesamo (gomasio) o girasole che uso come ingredienti nel pane a lievito madre che faccio settimanalemnte
    – tè verde

    In dosi non giornaliere ma quasi:
    – legumi (meno d’estate)
    – cereali integrali
    – frutta secca

  7. Giuseppe Capano Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Ciao Maria Rosa, allora facciamo che una volta raccolte tutte le testimonianze poi mi dedico nel prossimo post e suggerire come poter usare in pratica i semi di lino. Un po’ di pazienza e i suggerimenti arrivano. Ottimo anche il tuo suggerimento sui germogli.
    A presto.
    Giuseppe

  8. Giulia Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Buongiorno, personalmente aggiungerei alla tua lista, che condivido appieno, la soia (sotto qualsiasi forma, yogurt, formaggio, dessert, bocconcini), l’aceto di mele biologico, la noce moscata, la cannella e il miele. Questi ingredienti, bene o male, si trovano giornalmente sulla mia tavola. Buona giornata!

  9. Giulia Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Buongiorno, io aggiungerei alla tua lista, che approvo appieno, solo alcuni altri alimenti come la soia (sotto qualsiasi forma, yogurt, formaggio, dessert o bocconcini), l’aceto di mele biologico, la noce moscata e la cannella. Bene o male questi sono ingredienti sempre presenti sulla mia tavola. Buona giornata!

  10. Giuseppe Capano Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Ciao Giuseppe,
    bravo, ottima strategia di consumo, prendo nota per la mia mini statistica e fra qualche giorno cerco di fare un post ritornando sul’argomento, sperando di raccogliere tante altre testimonianze.
    A presto

  11. Giuseppe Capano Scrive il giu 20, 2012 | Replica

    Buongiorno Giulia, buon suggerimento la soia, tengo presente, mi incuriosisce invece la presenza specifica di noce moscata e cannella nella tua lista, sono ottime spezie, ma da come le hai messe sembra ci siano motivi e particolari esperienze tue su queste spezie. Se è così magari raccontaci meglio.
    Grazie e a presto
    Giuseppe

  12. Giulia Scrive il giu 21, 2012 | Replica

    In realtà è un utilizzo che è stato stimolato da nient’altro se non che da pura curiosità. Stanca dei soliti sapori e modalità di dolcificare e salare ho provato a cercare delle alternative valide e stuzzicanti. Via libera a cannella e miele, allora! Uso entrambi per zuccherare qualsiasi tipo di pietanza, dalla tisana allo yogurt, dalla torta alle..insalate (con magari dadolata di soia, uvetta e noci). Trovo invece la noce moscata molto versatile e una valida alternativa al sale. Molto profumata l’apprezzo soprattutto d’estate accompagnata dall’aceto di mele. E’ una spezia che diffonde freschezza su tutto ciò su cui è versata.
    Trovo siano due spezie che permettono di far viaggiare solo attraverso l’olfatto e il gusto. Quando le uso nella mia cucina, mi ritrovo per qualche istante in posti esotici e accoglienti! E’ un modo simpatico di giocare col cibo e con le sue proprietà. Sono pronta ora per nuove e intraprendenti ricette!

  13. Michele Tuveri Scrive il giu 25, 2012 | Replica

    ciao Giuseppe, non sono in grado di dare indicazioni mie, ma mi sono ricordato dei mesi passati da bambino in case isolate di mezzadri nelle crete senesi, senza acqua corrente e senza elettricità. Siamo nella prima metà degli anni ’60. I vecchi di allora, che andavano per i 70 anni e oltre, mi raccontavano di essersi salvati, nel periodo della guerra, grazie ai prodotti della terra: legumi sempre, cereali, verdura e frutta, anche secca, soprattutto noci. Mi hanno parlato di questo pensando alla sostituzione necessaria della carne. Non mi avrebbero parlato di olio, vino e spezie perché, ne disponessero o no, per loro sarebbero stati alimenti ovvi, e tutti a km 0 :-)
    per me è stato di insegnamento, così lo riporto
    ciao e a presto
    michele

  14. Giuseppe Capano Scrive il giu 25, 2012 | Replica

    Grazie Michele, è una bellissima e sentita testimonianza che documenta chiaramente, senza neanche che si scomodino illustri scienziati e costose ricerche, di come una saggezza di fondo nell’uomo alimentare continua a tramandarsi per quanto venga vergognosamente messa in esilio all’interno della massa e del pensiero comune.
    I tuoi vecchi raccontavano proprio di quei cibi che oggi la moderna scienza riconferma come magici precursori della salute.
    Come per molte cose basterebbe ritornare a saper ascoltare chi più di noi ha da dirci e raccontarci, dimenticandoci la nostra terribile presunzione di uomini moderni.
    Segno e tengo conto per un prossimo post su questo argomento anche dei tuoi preziosi racconti.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento