Gnocchi, caciotta e timo

Scritto da Giuseppe Capano il 9 settembre 2011 – 23:42 -

Caciotta al timoLunedì vi ho parlato dell’esperienza vissuta visitando la mostra mercato “DegustaNago” e come mi ero ripromesso nei ritagli di tempo ho tirato fuori una ricetta con una parte del campionario di prodotti portato a casa.
È toccato alla caciotta al timo diventare protagonista di un primo piatto organizzato per la sera e il risultato ci ha abbastanza soddisfatto.
Il formaggio è interessante, ma devo dire che il timo viene un po’ mortificato, nel senso che non si riesce a sentire pienamente la bontà e il profumo dell’erba fresca, viene fuori il timo ma con quel sentore di erba secca che nel caso del timo spesso è sinonimo di sottile nota d’amaro dominante.

Probabilmente nella lavorazione andrebbero portate delle migliorie, ma lascio agli esperti casari valutare eventuali variazioni e modifiche.
Fatto sta che ho preferito aggiungere nella salsa di formaggi che accompagnava gli gnocchi di patate al pistacchio del timo fresco prelevato direttamente dal mio piccolo giardino.
Così il piatto ha assunto il profumo e l’aroma di fondo che desideravo.
Prima che qualcuno me lo chieda è sicuramente possibile fare la salsa senza avere in casa la caciotta specifica (come si può immaginare non si trova al supermercato), basterà aggiungere a un buon formaggio semi morbido una dose di timo ancora maggiore.
E visto che ci siamo sono convinto che, per chi non può o vuole consumare latticini, la salsa sia ottima anche usando tofu, insaporitelo qualche minuto in più con le cipolle e poi frullate con brodo vegetale o latte di soia a scelta.
Prossimamente toccherà al miele del Baldo comparire in qualche ricetta, per ora ecco quella di oggi.

Gnocchi di patate ai pistacchi con salsa di caciotta al timo

Gnocchi di patate ai pistacchi con salsa di caciotta al timo

Ingredienti per 4 persone:

  • 750 g di patate a pasta bianca possibilmente di uguali dimensioni,
  • 2 cipolle bianche,
  • 2 foglie di alloro,
  • 1 mazzetto di timo fresco,
  • 125 g di caciotta al timo,
  • 150 g di pistacchi,
  • 225 g di farina bianca,
  • poco latte,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mettere le patate lavate in una casseruola, coprirle di acqua fredda e dal momento dell’ebollizione lessarle per 20-25 minuti circa fino a renderle tenere ma non sfatte.
  2. Sbucciare le cipolle e tagliarle in sottili spicchi, metterle in una padella dal fondo spesso insieme a 4 cucchiai di olio e le foglie di alloro lavate, salare leggermente, coprire e rosolare a calore basso per 15-20 minuti fino a rendere tenera la cipolla, se serve bagnare con poca acqua.
  3. Lavare e asciugare il timo fresco, sfogliarlo completamente, tagliare la caciotta in piccoli dadini, togliere le foglie di alloro dalle cipolle e aggiungere la caciotta, sempre a fuoco basso lasciarla sciogliere delicatamente, frullare cipolle e formaggio allungando con il latte sufficiente a ottenere una salsina.
  4. Unire il timo fresco, trasferire in un pentolino e scaldare per meno di 1 minuto regolando di sale, spegnere e conservare al caldo.
  5. Sgusciare i pistacchi togliendo se possibile anche la pellicina interna, frullarli fino a ridurli in polvere, sbucciare le patate ancora calde e passarle allo schiacciapatate raccogliendo la purea su una spianatoia, aggiungere i pistacchi, un pizzico di sale e la farina, impastare velocemente gli ingredienti senza lavorarli a lungo.
  6. Dividere la pasta in piccoli pezzi, arrotolarli con le mani formando dei rotoli simili a salsicce, tagliarli in cubetti lunghi 1 cm circa, infarinarli e stenderli su un vassoio a riposare.
  7. Gettarli in abbondante acqua bollente salata e lessarli fino a che non ritornano a galla, scolarli con una schiumarola adagiandoli nei piatti già ricoperti con la salsina al timo, decorare con altri pistacchi, rametti di timo e la stessa salsa di formaggio.

Tags: , , , ,
Postato in Primi, Ricette senza Uova, Ricette vegetariane | Nessun commento »

Aggiungi un commento