Il ruolo centrale della glicemia

Scritto da Giuseppe Capano il 25 ottobre 2014 – 23:59 -

Particolare copertina BIG 318In questi giorni sono molto preso dal tema della glicemia e dell’importanza dell’indice glicemico, avviene il tutto per una concomitanza di eventi e fattori abbastanza casuali, almeno nelle mie intenzioni!
Comunque ve ne parlerò ancora di più sia domani che lunedì (a breve, poi probabilmente molte altre volte) perché il tema è di vitale importanza per chi ha a cuore la propria salute.

Volevo però cominciare a chiarire alcuni aspetti della glicemia per fornire qualcosa di più concreto a chi sa poco o nulla sull’argomento e riprendo per l’occasione alcuni spunti presi dal mio libro specifico dedicato al basso indice glicemico.
La dinamica dei percorsi digestivi e metabolici è abbastanza articolata e segue dei processi fisiologici precisi, per chi non avvezzo a questioni mediche e nutritive può essere sufficiente sapere che dopo aver mangiato alimenti contenenti carboidrati la glicemia sanguigna all’interno dell’organismo si innalza.
E percentualmente, soprattutto per noi Italiani, il consumo di carboidrati riveste un ruolo centrale!
Questo innalzamento si verifica perché attraverso la digestione i carboidrati vengono trasformati in glucosio (zucchero puro), il principale carburante per il nostro organismo, zucchero che a sua volta, grazie all’ormone insulina, viene portato dal sangue nelle cellule per servire da carburante nella produzione di energia.
Un eccesso di cibi che stimolano in dosi massicce la glicemia (definiti ad alto Indice Glicemico) ha come conseguenza un aumento talmente alto di insulina da produrre un effetto anabolizzante sui depositi adiposi con un conseguente rafforzamento della massa grassa e dei chili in eccesso.
Appare quindi chiaro già un primo punto, cioè che non sono solo i carboidrati a essere tra gli alimenti a rischio, ma che esistono una serie di altri alimenti a cui prestare attenzione.
In ogni caso la conclusione a cui si è arrivati è che uno stile alimentare che eviti bruschi sali e scendi glicemici è di fatto il modo migliore per rimanere o tornare in forma.
Rivoluzionando in parte il concetto di porzione e consumo perché in questa ottica non si tratta tanto di modificare la quantità del cibo consumato, ma fare bene attenzione alla sua qualità in relazione al contenuto glicemico sommato ad altri contributi nutritivi importanti.
Un argomento articolato che è forse meglio affrontare con gradualità e già domani vi saprò dire qualcosa di più!

Copertina BIG 518


Tags: , ,
Postato in Cibo, Cucina e salute, Salute | Nessun commento »

Aggiungi un commento