L’alimento olio di oliva nell’ambito della medicina integrata

Scritto da Giuseppe Capano il 21 gennaio 2013 – 17:26 -

Bottiglie olio festambiente 2012 518Continuo nella presentazione dei prossimi interventi che potrete ascoltare all’interno di Olio Officina Food Festival occupandomi nello specifico degli autori che conosco personalmente e ho voluto invitare espressamente.
Il festival è poi ricchissimo di interventi estremamente interessanti non solo per chi ama l’olio di olive, ma per tutti quelli che hanno a cuore cucina, benessere, cultura e società, di molti di questi incontri invece vi racconterò i passaggi più importanti e salienti dopo averli vissuti in prima persona.

Invece parlo subito dell’intervento di Bruno Brigo un medico di altissimo livello e profondità umana che per quanto sconosciuto al grande pubblico è un punto di riferimento alto per molti professionisti che si occupano del benessere.
Personalmente sono onorato di aver scritto con la sua collaborazione quattro importanti libri con al centro le patologie più in stretta relazione con l’alimentazione e di conseguenza con la cucina, ma anche senza questo “particolare” la mia stima non sarebbe cambiata conoscendo la sua intensa e qualificata opera divulgativa.
Se qualcuno ha letto il blog a dicembre si sarà accorto che uno dei suoi libri è stato per me il libro dell’anno 2012, qui trovate le informazioni relative al libro e onestamente vi consiglio vivamente di leggerlo se ci tenete al buon vivere.
L’intervento di Bruno avrà come titolo “L’alimento olio di oliva nell’ambito della medicina integrata” e ho certezza che sarà di estremo interesse.
Per darvi un idea di quello che potrebbe essere il percorso di questo intervento estrapolo da uno dei libri che abbiamo scritto insieme un pezzo che parla proprio dell’olio d’oliva, il libro è “Ipertensione: curarla a tavola”.
Vi ricordo che molti libri degli autori che faranno i loro interventi saranno in vendita nella libreria interna del festival.
Ecco il pensiero di Bruno sul valore dell’olio d’oliva:
“………………………….L’olio d’oliva, il più stabile degli oli vegetali in quanto ricco soprattutto di acidi grassi monoinsaturi, è apprezzato non solo per il suo pregio gastronomico, ma anche perché, fin dall’antichità, gli sono state riconosciute virtù nutrizionali e curative. L’intuizione popolare richiedeva però una conferma scientifica di tali virtù e questa è stata data dai risultati delle numerose ricerche epidemiologiche, cliniche e sperimentali, condotte a livello internazionale, che hanno dimostrato l’efficacia dell’olio d’oliva quale fattore protettivo della salute dell’uomo.
Infatti, l’olio vergine d’oliva possiede un’elevata stabilità all’ossidazione dovuta sia al favorevole rapporto mono-polinsaturi, sia alla presenza nell’olio stesso di vari antiossidanti naturali. Esso è ben digerito e assorbito e la
sua azione sul controllo della colesterolemia è risultata molto buona. Per tutti questi motivi, l’olio vergine d’oliva possiede peculiari proprietà nutrizionali, come dimostrato dagli studi epidemiologici e biochimici, che ne fanno un grasso ideale per la popolazione in generale e non solo per quella dell’area mediterranea che da tempo immemorabile ne fa un largo uso……………………..”
Bruno Brigo interverrà sabato 26 gennaio dalle 16:00 alle 16:30 all’interno del Palazzo delle Stelline a Milano nell’area olistica presso la Sala Solari

Particolare Copertina olio crudo e cotto 518


Tags:
Postato in Food Festival, Olio-Cibo | Nessun commento »

Aggiungi un commento