L’alluminio in cucina

Scritto da Giuseppe Capano il 30 luglio 2015 – 22:08 -

Casseruola alluminio 318Riprendo il discorso iniziato tempo fa sui materiali di cucina, un elemento di conoscenza molto importante per quanto spesso sottovalutato.
In precedenza abbiamo parlato dell’acciaio materiale tra i più usati in assoluto spiegandone caratteristiche, prerogative, modi d’uso, reazioni al calore e così via.

Oggi riflettiamo invece sul materiale forse più da casa in assoluto per quanto abbia un ruolo importantissimo da sempre anche nelle cucine professionali.
L’alluminio è un metallo molto leggero e maneggevole ottenuto per elettrolisi da composti come la bauxite, non usato mai puro ma in leghe come il “duralluminio”.
Ossida difficilmente ed è un ottimo conduttore di calore soprattutto se il pentolame da cui è composto ha pareti sufficientemente spesse.
E tenete ben presente questo aspetto perché è di importanza basilare.
Risulta adatto a quasi tutte le cotture esistenti a patto che le superfici interne non vengano graffiate o incise dagli attrezzi usati per le cotture stesse e questo è l’altro elemento importante da non dimenticare mai.
E’ preferibile non usare contenitori d’alluminio per preparare alimenti acidi come spinaci e pomodori, i cavoli in generale e le salse chiare mescolate con fruste metalliche.
Qui entriamo in un ambito molto legato alla salute e soprattutto in passato si sono verificati gravi errori legati alla cottura e conservazione in contenitori di alluminio.
Nel primo caso, la cottura, il problema si ha quando altro metallo di cui sono fatte fruste, cucchiai o altri strumenti arriva a incidere l’alluminio più tenero portando vi particelle che poi passano nel cibo.
Per quanto riguarda la conservazione gli elementi acidi degli alimenti possono allo stesso modo portare via particelle di metallo con conseguenze di non poco conto per l’organismo.
In sostanza bisogna evitare qualsiasi caso di conservazione, anche temporanea,  in contenitori o utensili di alluminio, a maggiore ragione se la sostanza da conservare è a natura acida.
E tenete presente che anche la comune carta stagnola è soggetta alle stesse problematiche!
Malgrado questo le pentole e casseruole di alluminio ben fatte, con pareti e fondi spessi sono ottimi strumenti di cottura e tuttora in molte cucine non possono mancare.
Ultima nota sulla manutenzione: gli utensili in alluminio si lavano con acqua calda e detersivo non troppo abrasivo, si utilizzano spugne semplici o tamponi di lana metallica, evitando l’abbinamento con polveri pulenti a base di sodio o potassio.

Casseruola alluminio 518


Tags:
Postato in Materiali di cucina | Nessun commento »

Aggiungi un commento