L’atto di cucinare pasti buoni e sani porta esso stesso grandi benefici alla salute

Scritto da Giuseppe Capano il 17 dicembre 2015 – 22:58 -

Decorazione 318Non si tratta solo di opinioni o punti di vista, il ruolo della cucina è molto ampio, l’atto di cucinare ancora di più perché non si limita a produrre, coinvolge ambiti più specifici e vasti tra cui la buona salute.
Senza timore possiamo dire che la cucina buona, sana e preventiva ha un ruolo strategico sempre più rilevante per mantenersi in buona salute e gli sforzi fatti per cucinare bene il cibo non sono sforzi vani, ma restituiscono enormi benefici a chi li porta avanti con convinzione.

Lo possiamo dire perché la conferma arriva da molte ricerche e studi che indagando il mondo della salute in generale trovano sempre più coincidenze con l’alimentazione e la cucina.
Una delle ultime portata avanti dagli studiosi della Duke-NUS Graduate Medical School Singapore esalta il valore dei pasti cucinati da se in ambiente domestico e famigliare.
Il che tradotto in termini più pratici lontani dai criteri diplomatici della scienza (ovviamente giusti e normali) significa che cucinare, l’atto di cucinare vero e proprio producendo pasti buoni e sani, porta esso stesso un beneficio di base dal grande impatto positivo.
La ricerca pubblicata sull’American Journal of Hypertension aveva come scopo indagare l’incidenza dei pasti sulla pressione arteriosa distinguendo non solo la qualità del cibo consumato, ma anche il luogo e il come questo cibo veniva consumato.
In pratica per verificare se e come l’abitudine di non cucinare da se ma mangiare fuori casa potesse incidere in qualche modo sull’ipertensione sono stati monitorati  i comportamenti alimentari e giornalieri di 501 studenti di Singapore, di età compresa tra i 18 e i 40 anni, valutando allo stesso tempo le loro condizioni di salute generali con particolare attenzione alla pressione arteriosa oltre che all’indice di massa corporea, allo stile di vita extra alimentare e all’attività fisica svolta.
In tutto ciò (la ricerca naturalmente è stata articolata e lunga comprendendo anche altri aspetti importanti della salute) quello che si è notato bene è stato come il fatto di cucinare per se consumando i cibi nell’ambiente famigliare era un valido aiuto per il controllo ottimale della pressione.
Una conclusione bella e non da poco!!!
Questo è molto importante dal mio punto di vista perché da finalmente alla cucina il ruolo che dovrebbe maggiormente avere e che oggi è invece nettamente trascurato e non considerato.
Ritornando a quanto detto all’inizio non fa male ripetere come la cucina buona, sana, preventiva e fatta da se ha un ruolo strategico sempre più rilevante per mantenersi in buona salute.
Mentre quando si consumano i pasti fuori casa, fatta salva per prima cosa la bontà di ciò che ci viene proposto, bisognerebbe porre attenzione soprattutto alle capacità di equilibrio nutrizionale dello chef di turno piuttosto che farsi incantare da tutto il resto.

Cucinare per se 518


Tags: ,
Postato in Cibo, cultura e società, Cucina e salute, Mondo alimentare, Prevenzione, Salute | Nessun commento »

Aggiungi un commento