Le alternative vegetali al latte tradizionale

Scritto da Giuseppe Capano il 3 dicembre 2016 – 14:50 -

scaffale-latti-vegetali-particolare-318Hanno fatto al loro comparsa in sordina come iniziale alternativa al latte tradizionale per chi ne era intollerante o semplicemente non voleva consumarlo per scelte personali.
Così dall’iniziale bevanda di soia naturale, per praticità chiamata usualmente latte di soia, si è passati a una lunga serie di estratti liquidi di cereali e frutti con caratteristiche specifiche molto interessanti per l’uso in cucina grazie a una serie di prerogative uniche.

E ormai non è tanto una questione di essere vegan o meno, gli elementi di vantaggio nutrizionali e tecnici che queste bevande vegetali portano in cucina sono così rilevanti che sarebbe illogico non sfruttarle in pieno.
Vediamo le caratteristiche salienti dei principali latti vegetali (uso questo termine per praticità anche se per legge la dizione non sarebbe consentita) e poi magari in seguito approfondiamo le singole e specifiche qualità.
Latte di soia
Il capostipite dei latti vegetali occupa tuttora il primato di diffusione e uso con presenza di varianti arricchite con vitamine o aromi profumati, anche se il più interessante in assoluto rimane quello al naturale. Porta con se gran parte dei pregi della soia a cominciare dall’assenza di glutine, la ricchezza di vitamine del gruppo B e di Ferro in particolare, la buona percentuale di proteine vegetali a alto valore biologico, bassa presenza di grassi, effetti marcati sulla riduzione del rischio di ateriosclerosi grazie agli isoflavoni capaci di abbassare il colesterolo cattivo.
Latte di riso
È probabilmente il secondo latte vegetale per diffusione e uso, estremamente leggero e povero di grassi, tanto da essere integrato con oli vegetali durante le fasi di produzione, dolce e gradevole all’assaggio è ovviamente come il riso da cui deriva senza glutine.
Latte di mandorle
Ancora prima del latte di soia esisteva in realtà nelle regioni del sud Italia l’abitudine di preparare e consumare una bevanda del tutto assimilabile ai moderni latti vegetali con un gusto molto piacevole. Qui il termine bevanda è più che mai appropriato perché l’uso antico era proprio questo grazie anche all’elevato potere dissetante, oggi è invece uno dei migliori latti vegetali che si possano usare in particolare per i dolci. Ha una buona presenza di grassi in prevalenza sani e funzionali alla salute,  antiossidanti, vitamine e sali minerali importanti.
Latte di miglio
Continuando sulla scia di latti vegetali senza glutine, lo è anche quello di mandorle, troviamo la bevanda derivata dal miglio che malgrado sia poco diffusa ha molte proprietà benefiche. Buona presenza di proteine, nutriente e energizzante malgrado la bassa presenza di grassi, di buon sapore e con buone quantità di minerali e di vitamine del gruppo B.
Latte d’avena
È un ottimo e molto valido latte vegetale con cui si riescono a creare ottime salse sia dolci che salate, fornisce una buona energia prontamente disponibile, ha un elevato contenuto di acido folico, riduce il colesterolo-LDL, contiene preziose fibre e una buona quantità di vitamina E.
Latte di farro
Ha una quantità di calcio elevata e per questo può diventare prezioso per la prevenzione dell’osteoporosi, per gli sportivi e i bambini in fase di crescita. Tecnicamente si caratterizza per una consistenza densa e cremosa che lo rende molto interessante in molte ricette di cucina.
Latti di frutta secca in guscio (nocciole, anacardi, noci, ecc)
Sono paralleli al più famoso latte di mandorle e portano con se gran parte delle caratteristiche positive dei rispettivi frutti, sia in termini nutrizionali che di sapori finali, gli usi sono molto simili alla bevanda ottenuta dalle mandorle, ma fra tutti spicca per bontà e esteso uso in pasticceria il latte di nocciole estremamente interessante utile.
Per ora mi fermi qui anche se le varietà sono molte di più, ma ritorno sull’argomento quanto prima!!!

scaffale-latti-vegetali-518


Tags: , , , , , , ,
Postato in Alimenti, Cibo, Mondo alimentare, Trucchi e consigli | Nessun commento »

Aggiungi un commento