L’immagine finale

Scritto da Giuseppe Capano il 25 marzo 2015 – 23:35 -

Romanesco in salsa con paccheri 318Come un libro siamo composti di pagine da sfogliare e le persone che hanno capito di essere un libro, che il piacere è lasciarsi sfogliare, che è nell’essere sfogliati la felicità sono un passo avanti agli altri.
In questi ultimi anni ho avuto la fortuna di incontrare diverse persone così, ho visto davanti a me destini incrociarsi senza che vi fosse una ragione apparente.

È evidente che noi non siamo unità complete, ma pezzi di un unità globale più grande e possente distribuita senza un apparente regola su più individui.
Qualcosa che non centra nulla con le religioni il cui unico scopo sembra sia annebbiare la mente, si tratta piuttosto di una distribuzione di tessere di un puzzle che può produrre alla fine un unica immagine finale.
E tessere di un immagine finale non possono unirsi a tessere di un’altra immagine, non apparirebbe niente.
La magia nasce quando questi “pezzi di un unità globale” si ritrovano in un folto gruppo tutti insieme e li in un estasi meditativa profonda si intuisce bene che i pezzi combaciano uno sull’altro e portano a definire un mosaico ben più complesso.
L’immagine finale appunto!
Come dicevo ieri volevo dare un piccolo ringraziamento ai pezzi della mia unità che in questi anni attraverso coincidenze del destino insospettabili ho incontrato sulla mia strada.
Lo faccio in piccolo con questa ricetta che riprende la bellezza naturale del cavolo romanesco e porta con se tutto il linguaggio profondo dei frattali.
Sperando che un giorno tutti i pezzi si ritrovino nell’unità globale finale e che l’immagine a quel punto sia chiara a tutti noi!
Nel frattempo possiamo goderci gli aspetti migliori della vita, come gustarci questi ottimi paccheri e il loro mentore di elezione, il cavolo romanesco!!!

 

Romanesco in salsa con paccheri

Romanesco in salsa con paccheri 518

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g circa di cavolo romanesco,
  • 2 patate medio piccole,
  • 1 cipolla bianca,
  • 2 foglie di alloro fresco,
  • 350 g di paccheri,
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo nero,
  • noce moscata,
  • pepe,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Pulire il cavolo romanesco dividendolo in cimette e conservando anche le foglie verdi, lessare per 10 minuti in abbondante acqua bollente salata le cimette e le foglie togliendone alcune dopo 2-3 minuti per la decorazione finale.
  2. Sbucciare le patate, lavarle e tagliarle a cubetti, sbucciare e tritare la cipolla, rosolarla lentamente a calore basso per 10 minuti circa insieme a 2-3 cucchiai di olio, aggiungere le patate e le foglie di alloro fresco, salare e lasciare insaporire alcuni minuti.
  3. Scolare il cavolo con una schiumarola e conservare l’acqua al caldo, metterlo direttamente nella casseruola delle patate, bagnare con un mestolo abbondante della sua acqua di cottura e continuare a cuocere per 15 minuti.
  4. Eliminare l’alloro e frullare le verdure unendo l’acqua di cottura del cavolo sufficiente a ottenere una salsa fluida, insaporirla con noce moscata e pepe a piacere, riportare a ebollizione l’acqua di cottura del cavolo rimasta e lessare i paccheri al dente.
  5. Scolare i paccheri e metterli nei piatti già ricoperti con la salsa verde, irrorare con un poco di olio, cospargere con i semi di sesamo nero e decorare con le cimette di cavolo tenute da parte.

Tags: , , , ,
Postato in Cibo, cultura e società, Cucinare con poco, Olio-Cibo, Primi, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | 2 Commenti »


2 Commenti per “L’immagine finale”

  1. Sabina Agostinetto Scrive il Mar 26, 2015 | Replica

    Bellissime parole. Non potrei aggiungere altro se non grazie. Un abbraccio. Sabina

  2. Giuseppe Capano Scrive il Mar 26, 2015 | Replica

    Buongiorno Sabina,
    grazie a te per le tue belle considerazioni e per aver apprezzato i miei pensieri!
    Ricambio l’abbraccio.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento