Mangiare bene per dormire bene

Scritto da Giuseppe Capano il 30 marzo 2015 – 23:42 -

Dormire 318Dell’uscita di ieri di una mia ricetta sul Corriere della Sera non sono proprio riuscito ad avvisarvi in tempo, troppi impegni e cose da seguire!!!
Recupero oggi raccontandovi di cosa parlava l’articolo uscito ieri che aveva come supporto una mia creazione culinaria, che poi domani, una volta sistemata la foto vi presenterò sul blog.

L’argomento affrontato è stato il rapporto fra cibo e sonno con una relazione diretta tra ciò che si consuma prima del riposo è la qualità finale della dormita compresa la comparsa o meno di sogni agitati.
Tra gli alimenti che principalmente possono portare ad avere sonni agitati o non sereni ci sono il formaggio, il cioccolato, le spezie e la carne, ma un ruolo importante è presumibile che ricada anche sul metodo di cottura e trasformazione del cibo prima del consumo.
Infatti, cotture e trasformazioni che arricchiscono di grassi, magari di pessima qualità, i cibi hanno sicuramente un peso non indifferente sulla digestione quindi sul sonno al di la dei pregi o difetti che l’alimento ha all’origine.
Tornano all’articolo lo spunto è nato da una ricerca pubblicata su Frontiers in Psicology in cui sono state analizzate da parte di ricercatori canadesi le abitudini correlate alla qualità del sonno, alla presenza dei sogni e al tipo di alimentazione seguita.
Il tutto calibrato su un campione di circa 300 studenti che hanno compilato una serie di questionari con domande mirate ai tre diversi aspetti del vivere quotidiano.
È risultato che per il 18% del campione i sogni erano sicuramente influenzati dalla presenza o meno nel pasto che precedeva il sonno di determinati alimenti o in secondo luogo dal consumo tardivo della cena con un lasso di tempo troppo breve tra questa e il riposo.
I cibi più citati in negativo sono risultati proprio quelli che ho riferito in precedenza e si è vista anche una precisa relazione tra la difficile tolleranza di una grossa fetta della popolazione canadese (ma in generale, anche se con diverse sfumature, della popolazione globale) verso i derivati dal latte e la qualità del sonno percepita e vissuta direttamente.
Anche se avete perso l’articolo cartaceo a giorni sul sito del Corriere dovrebbe uscire la versione online, dove potrete approfondire meglio il tutto.
Noi invece ci aggiorniamo domani con la ricetta!!!

Riso asparagi 518


Tags:
Postato in Cibo, Corriere della Sera | Nessun commento »

Aggiungi un commento