Meditazione, psiche, cervello e cucina

Scritto da Giuseppe Capano il 17 gennaio 2013 – 18:43 -

Copertina meditazione, psiche, cervello 318Con la recensione del libro di oggi mi ricollego direttamente al post di ieri perché le attinenze con il perdono e la tolleranza sono molte pur parlando il libro di altro argomento.
Ma la meditazione è del resto in stretta simbiosi con i sentimenti di conciliazione come quelli trattati ieri e può essere vista, letta, interpretata, fatta propria seguendo approcci e strade diverse senza dover decretare necessariamente un unico e incontestabile sentiero maestro.

Personalmente poi ho raccontato e detto più volte il mio pensiero sulla cucina come atto profondo di meditazione, una funzione questa della cucina a cui credo molto pur non avendo dalla mia ricerche scientifiche ad avvalorare la tesi.
Il libro è un percorso molto ben documentato che poggia le sue basi su un metodo particolare chiamato PNEIMED, meditazione a indirizzo psiconeuroendocrinoimmunologico, una parola articolata che non deve ne spaventare ne impressionare poiché racchiude in se la sintesi del metodo stesso.
L’approccio alle tecniche meditative è di tipo scientifico senza che questa sia una contraddizione, anzi direi che possiamo considerarlo un merito di onestà divulgativa.
Sono illustrati numerosi esercizi sia di primo approccio, sia più evoluti e articolati con un’attenta spiegazione delle fasi da seguire cercando di superare il limite, del tutto comprensibile, dell’assenza di un vero maestro guida in carne e ossa o per meglio dire in anima e spirito.
Ma questa premessa è ben spiegata nel libro che precisa con chiarezza come il testo non si prefigge di sostituire il ruolo importante di un maestro nella pratica della meditazione, il suo compito è essere un aiuto pratico per chi desidera approfondire e conoscere meglio.
Degna di nota è anche la rassegna degli studi più recenti sugli effetti della meditazione per la salute e il benessere, un tema che su questo blog viene toccato con molta frequenza e ancora una volta segna un collegamento diretto con la cucina, il cibo e l’alimentazione.
Al collegamento meditazione e salute è dedicato un intero capitolo nella seconda parte del libro che a onor del vero è la parte più interessante, in questo capitolo la meditazione è inquadrata sia come forma di prevenzione che come forma di cura, il tutto documentato con scrupolo e attenzione.
Cito a questo proposito una parte del testo che ha come titolo “La meditazione regola il sistema immunitario in salute e malattia”:
“La nostra ricerca dimostra che uno di maggiori effetti dell’apprendimento delle tecniche meditative è quello di regolare la scarica di cortisolo da parte delle surrenali sollecitate dallo stress. L’eccesso di cortisolo ha come effetto quello di squilibrare il sistema immunitario. Se con la meditazione si riequilibra la produzione di cortisolo si dà quindi una mano anche al sistema immunitario”
Ovviamente la frase va inquadrata all’interno dell’intero libro e si ricollega a passaggi precedenti precisi, però mi sembra molto significativa.
Il giudizio finale non può che essere positivo, l’utilità del testo per chi è alla ricerca di una personale strada di benessere è indubbia.
Per ogni altra informazione e per l’acquisto del libro potete rivolgervi qui.
Di seguito lascio la nota di presentazione ufficiale che accompagna il testo.

Descrizione
A nove anni di distanza dalla prima edizione, il libro da un lato ripropone gli esercizi base per avvicinarsi alla meditazione e gli elementi per approfondire il tema da un punto di vista teorico, dall’altro evidenzia le ricerche scientifiche e cliniche sugli effetti della meditazione sulla salute e per il benessere delle persone, aggiornandole con i numerosi lavori usciti in questi ultimi anni in cui lo stato di coscienza indotto dalla meditazione è stato indagato con molto maggior interesse che nel passato.
Gli autori, inoltre, presentano in queste pagine il metodo da loro messo a punto la Meditazione a indirizzo psiconeuroendocrinoimmunologico cui hanno dato il nome di Pneimed, illustrando anche una ricerca clinica realizzata in collaborazione con le Università di Ancona e Urbino, su un campione di partecipanti ai corsi Pneimed, per verificare gli effetti della meditazione sullo stato dell’umore e sulla risposta di stress.
Il libro non sostituisce un maestro nella pratica della meditazione, ma è un valido aiuto sia per chi già la pratica, sia per chi la vuole intraprendere.

Copertina meditazione, psiche, cervello 518


Tags:
Postato in Libri, Tecniche Nuove | 2 Commenti »


2 Commenti per “Meditazione, psiche, cervello e cucina”

  1. mara Scrive il Jan 18, 2013 | Replica

    Caro Giuseppe,
    prima di tutto grazie di cuore per i toi post.
    Per la mia piccola esperienza è stata proprio la meditazione che mi aiutata nel percorso verso il perdono e la tolleranza.
    Inoltre ha rafforzato il mio amore e rispetto verso la cucina ed il suo potere curativo.
    Auguri per una serena giornata
    Mara

  2. Giuseppe Capano Scrive il Jan 18, 2013 | Replica

    Ciao Mara,
    grazie è una bella testimonianza questa tua esperienza personale, sono convinto anche io della forza della cucina per il benessere non solo fisiologico legato all’alimentazione, ma probabilmente molto di più per tutti i meccanismi inconsci di meditazione, rilassatezza, distacco, concentrazione, ecc che mette in moto.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento