Mele e spinaci per aiutare con gusto la qualità della dieta quotidiana

Scritto da Giuseppe Capano il 8 febbraio 2016 – 18:08 -

Mele con spinaci e bacche di goji 318Il tema dell’articolo uscito ieri sul Corriere della Sera riguardava i danni che paradossalmente quasi tutte le diete portano alle persone e al loro organismo.
E questo succede non tanto quando l’organismo è giovane e allo stesso tempo ricco di energie e risorse utili per sopportare con meno traumi i continui saliscendi del suo peso, a volte estremi e spaventosi.

Il problema serio e i danni più pesanti si hanno quando con l’avanzare dell’età il corpo ha meno capacità di reagire alle vere e proprie “torture” a cui è sottoposto pur di seguire regimi alimentari senza alcun fondamento.
Lo studio più approfondito in questo senso è stato portato avanti dai  ricercatori della Harvard Medical School di Boston che nell’arco di 20 anni hanno esaminato le variazioni di peso di un campione di 145 mila tra uomini e donne.
Il tutto messo a confronto con lo stile alimentare seguito, le abitudini di consumo, le diete specifiche eventualmente portate avanti nell’arco del periodo esaminato.
Inoltre sono state valutate con attenzione le condizioni fisiche di chi consumava in dosi adeguate e abbondanti alimenti di origine vegetale e in particolare verdura e frutta.
È emerso chiaramente che erano solo queste persone, cioè quelle che privilegiavano la qualità di una dieta abbondantemente vegetale al di la delle quantità specifiche o della selezione di determinate categorie (ad esempio le proteine oggi tanto di moda) a riuscire a limitare con efficacia l’aumento di peso.
Un aumento che con l’avanzare dell’età è entro certi limiti fisiologico in quanto il ridotto metabolismo e un’attività fisica meno frequente non aiutano a mantenere l’efficienza energetica.
Il problema è quando diventa patologico e peggiora sensibilmente con la brutta tendenza a seguire diete sbilanciate e mal concepite a livello nutrizionale.
Per supportare l’importanza di un consumo abbondante di frutta e verdura insieme alla nutrizionista che ha preparato l’articolo abbiamo pensato di scegliere una mia ricetta “storica” nel senso di già presente sui miei portali e siti di riferimento.
Ricetta che con alcune piccole modifiche rappresenta una squisita unione di un frutto e un ortaggio di stagione dalle straordinarie qualità preventive e salutistiche.
La mela e gli spinaci protagonisti di questa sorta di ottima insalata che vi riporto così come l’abbiamo voluta interpretare per l’occasione!!!

 

Mele con spinaci e bacche di goji

Mele con spinaci e bacche di goji 518

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cucchiaino di buccia d’arancia grattugiata,
  • 1 mela Renetta,
  • 1 mela rossa Royal Gala,
  • ½ limone,
  • 200 g di foglie giovani e tenere di spinaci,
  • 40 g di nocciole sgusciate e tostate,
  • 1 cucchiaio di bacche goji,
  • zenzero secco,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Preparare la buccia d’arancia e in un bicchiere mescolarla a lungo con 3 cucchiai di buon olio d’oliva extravergine dal fruttato leggero.
  2. Lavare e pulire le due mele, affettarle e bagnarle subito con il succo del limone, un pizzico di sale e poco zenzero in polvere (non serve sbucciarle se sono bio, altrimenti valutate con attenzione).
  3. Tritare grossolanamente le nocciole, lavare e asciugare gli spinaci, affettarli sottilmente e stenderli sul fondo dei piatti.
  4. Distribuire sopra le fettine di mele, cospargere con le nocciole tritate e la bacche di goji e condire con l’olio profumato all’arancia scegliendo a preferenza personale di unire anche un po’ di succo dell’arancia usata per preparare la buccia.

Tags: , , , ,
Postato in Antipasti, Corriere della Sera, Frutta, Insalate, Ricette senza Glutine, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | Nessun commento »

Aggiungi un commento