Minestroni congelati e belle favole

Scritto da Giuseppe Capano il 15 aprile 2015 – 17:06 -

Minestrone 318Riccardo oggi mi ricordava una delle pubblicità più ridicole uscite in questi mesi e anni, in verità colmi di scempiaggini alimentari e purtroppo a volte con il coinvolgimento di chef a cui evidentemente interessa solo il puro guadagno.
In questa siamo in una situazione tipo in casa e il marito e padre di turno assaggia un minestrone, congelato, e tutto gongolante afferma di essere più buono di quello vero che mangiava da piccolo.

Diciamo si svolge più o meno così perché personalmente guardo talmente raramente la televisione che credo di aver intravisto una sciocchezza di questo tipo forse 1 volta, per cui ci sta che non mi ricordi esattamente tutto!
Colpisce dal mio modesto punto di vista la spregiudicatezza delle aziende alimentari, spesso multinazionali, e l’assoluta mancanza di ritegno verso quella che è di fatto una reale menzogna e chi la propaganda lo sa bene, molto bene.
È una spregiudicatezza sbalorditiva per molti punti di vista, sapete immagino tutti della presa per i fondelli che una grande multinazionale della carne espressa colma di grassi e schifezze varie ha messo in campo nei confronti della pizza coinvolgendo per altro dei bambini.
Uno scenario questo che porta a bruciare una società colpendola al cuore dell’alimentazione fulcro di ogni cosa in una sorta di autodistruzione perversa.
Ma si potrebbe dire che le aziende fanno il loro mestiere, per quanto sporco, e se il pubblico casca nella loro rete e bene solo per loro e i guadagni che portano a casa.
Chi fa pubblicità poi pur di lavorare venderebbe l’anima al diavolo e certo non si formalizza su nulla, mentre tante altre attività collaterali su tutto questo portano avanti la loro bella speculazione in un contesto di civiltà del consumo e dello spreco conclamato e passivamente accettato come inevitabile.
Rimane una domanda disattesa: ma uno stato sano, attento alla sua gente, premuroso e cosciente di quanto il buon cibo sia importante non dovrebbe mettere in atto delle contromisure serie a tutela della salute e del buon vivere?
È vero, ci sono forse oggi ben altri problemi più urgenti e drammatici, ma penso che non sia esagerato affermare che se cade il muro dell’alimentazione sana e corretta, tutto il resto sarà molto peggio di quanto ci appare ora.

Minestrone ribollito 518


Postato in Cibo, cultura e società | 2 Commenti »


2 Commenti per “Minestroni congelati e belle favole”

  1. Sabina Agostinetto Scrive il apr 16, 2015 | Replica

    Concordo perfettamente con quanto affermi in questo articolo, anche alla luce del fatto che vi siano professionisti che da un lato, nell’ambito di talune trasmissioni si pongono come giudici feroci e dall’altra, si prestano a pubblicizzare prodotti che non rispecchiano esattamente quanto da loro propugnato in altri ambiti.
    Apprezzo ancora una volta le tue parole fuori dal coro ed il coraggio di pronunciarle.
    Tanti cari saluti.
    Sabina

  2. Giuseppe Capano Scrive il apr 17, 2015 | Replica

    Ciao Sabina,
    grazie per aver letto e condiviso i miei pensieri, purtroppo hai perfetamente ragione rispetto ai miei colleghi.
    In un epoca come questa l’etica è la cenerentola di ogni azione umana, questione di valori e di cultura, ma credo anche mancanza di consapevolezza su ciò che si è e ciò che appare.
    Fino aquando prevale il secondo aspetto credo che possa migliorare molto poco rispetto al bene che ognuno deve alla società in cui vive.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento