Olivi, racconti e cucina

Scritto da Giuseppe Capano il 7 novembre 2011 – 15:37 -

Libro Maremma maremmaOggi tengo fede a un proposito fatto a fine luglio quando raccontavo di un bel libro ricco di racconti territoriali ambientati nelle affascinanti terre di maremma.
Il proposito è ambizioso e alquanto impegnativo, qui potete trovare il riferimento al post in cui ne parlavo, ma comincio se non altro a costruirne un pezzetto, poi vedremo se il tempo mi concederà di completare l’opera.
Nel libro “Tutti dicono Maremma Maremma” ci sono venti racconti, venti storie e come un vento leggero il leggerlo ha aperto canali ispirativi in cucina, da qui l’idea di immaginare una ricetta per ogni racconto, raccogliendo i lati più culinari raccontati dagli autori.

Inizio con un bel racconto di Bianca Garavelli dal titolo ancora più bello “L’olivo della strega”, oggi vi lascio alcuni stralci del racconto per farvi assaggiare virtualmente il passo della storia, poi metto in piedi la ricetta e domani vi trasferisco il risultato.
Saranno delle tagliatelle che dell’olivo prenderanno tutta l’essenza possibile, ma di questo parliamo domani, adesso godetevi questi stralci.

Paté di olive nere taggiasca

“…………………………..Nel pomeriggio di quello stesso giorno, Cecilia passeggiò soddisfatta tra gli olivi del suo podere. Contemplò con affetto i nuovi nati, gli olivi giovani che sembravano non condividere la forza poderosa di quelli antichi, perché non ne avevano la contorsione dolorosa, eppure sapeva che nel cuore erano gli stessi. Era ben visibilmente il suo umore, e se è vero che la felicità è contagiosa, come dicevano i suoi genitori, e anche i suoi cari nonni e zii, l’intero uliveto avrebbe dovuto percepire e raccogliere la sua gioia……………………….”
“…………………………..Forse era vero che gli ulivi la riconoscevano, o almeno percepivano la sua contentezza nell’essere nuovamente al centro della terra, del suo mondo vero…………………………………”
“…………………….Ma questo…è l’Olivo della strega! Il famoso olivo che dovrebbe avere più di tremila anni…Le dicevano intorno voci diverse. Cecilia rispondeva sempre con calma che i nomi non avevano alcuna importanza, e che quello per lei era e sarebbe stato sempre il Grande Olivo della sua infanzia ritrovata………………….”

Testi tratti dal racconto “L’olivo della strega”, di Bianca Garavelli, presente nel libro “Tutti dicono Maremma Maremma”. Editore Distretto rurale, Provincia di Grosseto, settembre 2010


Tags:
Postato in Libri | Nessun commento »

Aggiungi un commento