Puzzle di culture alimentari

Scritto da Giuseppe Capano il 16 agosto 2016 – 17:18 -

Sedano 318Una delle diramazioni più importanti e principali del mio mestiere rimane quella del consulente e formatore, studiare e progettare l’organizzazione complessiva e il progetto operativo di locali che vogliono incentrare il loro focus sulla cucina della salute che è la mia specializzazione.
Un lavoro complesso e impegnativo dove tra le altre cose si studia con attenzione la linea di cucina esatta da seguire adeguando e personalizzando ricette e piatti e stilando il percorso da intraprendere.

È quello che ad esempio faccio da oltre 25 anni qui in Toscana per il ristorante vegetariano di Festambiente dove sono presenti elementi, preparazioni e piatti che spaziano tra la cucina mediterranea, la vegetariana moderna con un occhio attento alla salute e al gusto e quella locale maremmana.
Succede allora a volte che ci sia un incontro curioso e stimolante fra le diverse culture alimentari del territorio, pezzi di una ricetta si incastrano con pezzi di altre ricette, il processo creativo prende piede e nascono nuovi percorsi del gusto e degli abbinamenti.
Spesso nascono così nuove ricette che magari con il tempo diventano una sorta di best seller di un locale o una linea di cucina in cui il territorio intorno si riconosce.
Quest’anno tra le varie combinazioni nuove nate abbiamo messo insieme una base tipicamente maremmana dove principalmente abbonda il sedano insieme alla cipolla, il profumo abbondante dell’alloro e poco pomodoro.
Accompagnando questa base con un ottimo riso nero integrale lessato e un olio profumato con foglie fresche di basilico in quantità cospicua.
L’idea è piaciuta molto innanzitutto a noi e a quanto pare anche a chi ha assaggiato il piatto che potrebbe diventare una nuova proposta della linea di cucina di questo ristorante!!!
Il tempo di elaborare e sistemare le foto e poi vi racconterò nei dettagli la ricetta!!!

Riso nero cotto 518


Tags: , ,
Postato in Alimenti, Cibo, Cibo, cultura e società, Cucina mediterranea, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento