Salute: fare sempre attenzione a cosa viene dato per assoluto

Scritto da Giuseppe Capano il 3 maggio 2014 – 23:11 -

Particolare libro colesterolo 318Dopo essere rimasto steso a letto per ben tre giorni causa un influenza che evidentemente ha anche approfittato della tanta stanchezza accumulata riprendo a intervenire sul blog.
Lo faccio collegandomi all’ultimo intervento in cui vi presentavo l’ultimo numero della rivista che ospita questo blog per invitarvi a sfogliarla e a conoscerla per chi ancora non ne ha provato l’alta qualità.

È tra le pagine di servizi non di cucina che sono quelle per me più stimolanti in quanto concedono visuali diverse a un mondo alimentare complessivo di cui la cucina è solo una parte.
Importante certo, anzi direi molto più importante di quanto si considera normalmente allucinati come siamo dalla spazzatura che circola in televisione, giusto per citare il media più diffuso e più portatore di danni culturali.
E pensare che invece potrebbe essere un canale esemplare di correttezza, educazione, esplorazione, conoscenza e molto altro.
Lo è invece solo in minima parte, per il resto i danni sono notevoli e ad esempio questo mio lavoro che tanto amo rischia di uscirne annientato.
Comunque non è questo il tema, sono andato fuori binari come si dice!!!
È invece molto interessante la notizia comparsa sulla rivista a firma di Francesco Bottaccioli un medico molto attento alle dinamiche alimentari e alle influenze che possono avere sulla salute.
Si parla di colesterolo e di come il “demone” sia stato detronizzato e diventato un parametro tra i tanti in base alle nuove linee guida dell’american Heart Association (l’importante associazione cardiologica americana).
Non vi svelo altro perché trovo più corretto che lo leggiate sulla rivista, ma in sostanza è stato ribaltato il concetto di soglia critica tra salute e malattia a favore di un calcolo di rischio complessivo in apparenza più sensato e affidabile.
Con sorpresa come scoprirete leggendo l’intervento sulla rivista!!!
Tutto questo mi da però la possibilità di mettervi in guardia ancora una volta da chi professa di avere verità assolute in tasca e ad esempio, restando strettamente nel mio campo, condanna senza pietà alimenti e cibi accusati di essere veleni o sinonimi ancora peggiori.
Potremmo citare a caso lo zucchero, piuttosto che le farine raffinate e molto altro.
Ribadisco, questi alimenti dovete limitarli il più possibile per tutta una serie di ragioni ampiamente, ripeto ampiamente, documentate e reali.
Ma sono alimenti ricordatevelo, non veleni.
Se fra 20 anni ricerche più moderne dovessero dimostrare che i loro danni sono da inquadrare in altra ottica e in relazione ad altre interazioni rispetto a quelle credute oggi tutti questi guru dell’assoluto cosa ci racconteranno?
Quello che vogliono tutto sommato, l’unico dato certo è che nel frattempo saranno diventati ricchi e famosi, chi senza spirito critico e informativo ha seguito alla cieca i loro dettami assoluti, invece, povero.
Se non in termini economici probabilmente in termini di salute, ma molto difficilmente potrà chiedere conto agli “illuminati” in voga oggi!!!

Noci particolare 518


Tags: ,
Postato in Cibo, cultura e società, Cucina e salute, Salute | 6 Commenti »


6 Commenti per “Salute: fare sempre attenzione a cosa viene dato per assoluto”

  1. Tiziana Scrive il mag 4, 2014 | Replica

    Ciao Giuseppe, ben ritornato in forma!
    Io penso che le persone oggi, abbiano una forma di stanchezza mentale (forse a causa di come prendono freneticamente tutte le cose della vita) e quello che vogliono è che gli altri si prendano cura di loro senza sforzarsi in prima persona. Questo le fa diventare apatiche e incapaci di scelte consapevoli. Si mettono in mano di medici o guru (tra l’altro medici e guru diventati tali solo per mezzo di tam-tam mediatici come se la tv fosse il mezzo elettivo) e si lasciano fare… E’ giusto che quei medici e guru sfruttino tale svogliatezza, chissà che le certe persone non si sveglino prima o poi!! (Oggi sono un po’ peperina ;-) ) Buona giiornata.
    Tiziana

  2. Giuseppe Capano Scrive il mag 4, 2014 | Replica

    Ciao Tiziana,
    è un analisi che ritengo molto consona alla situazione attuale; sicuramente molte persone se lo meritano ma allo stesso tempo non completamente penso.
    Trovo molta più grave la colpa di chi approfitta dei “deboli”, per quanto siano volutamente deboli.
    E allo stesso tempo mi stupisce l’ingenuità di questi approfittatori, davvero pensano che non pagheranno mai pegno?
    Io non sono un credente, se interrogo la mia anima e il mio spirito però una risposta l’ho già dentro.
    Ed è impietosa!!!
    A presto
    Giuseppe

  3. Tiziana Scrive il mag 5, 2014 | Replica

    Ciao Giuseppe…ho peccato di frettolosità: hai ragione senza dubbio, magari fosse sempre maledetto chi si approfitta dei più deboli. Per la mia esperienza personale, purtroppo e a malincuore, penso che spesso rimangano impuniti gli approfittatori. Sì, ma a questo punto son fori tema rispetto al blog di cucina ;-).
    Buonanotte, Tiziana.

  4. Tiziana Scrive il mag 5, 2014 | Replica

    E tu hai già pubblicato un nuovo argomento :-D

  5. Giuseppe Capano Scrive il mag 5, 2014 | Replica

    Ciao Tiziana,
    ti rispondo praticamente con 24 ore di ritardo, per cui intanto buona notte a te per questa notte.
    Per il resto credo ci siamo capiti bene!
    E per non andare fuori tema rispetto al blog credo ci confronteremo meglio fra un po’ quando troverò il tempo di scrivere il post sulla plastica vegan mangiata di recente!!!!
    Proprio li a Padova!!
    A presto
    Giuseppe

  6. Tiziana Scrive il mag 6, 2014 | Replica

    Wow…non vedo l’ora!
    Ciao e grazie. Tiziana

Aggiungi un commento