Stile mediterraneo, i veri creatori della cucina

Scritto da Giuseppe Capano il 4 marzo 2012 – 20:14 -

Dieta mediterraneaNella prima giornata di Olio Capitale ho partecipato ad alcuni dibattiti interessanti, uno in particolare toccava temi a me cari con battaglie e iniziative che nei miei libri porto avanti da anni.
Bel progetto quello raccontato nel dibattito organizzato dalla Camera di Commercio di Matera “Progetto dieta mediterranea – Il ruolo dell’olio di oliva nella dieta mediterranea”, molto interessante per la grande particolarità di coinvolgere attivamente i “costruttori” reali della cucina.

Ossia tutti voi, o meglio nello specifico tutti gli anziani un tempo bambini, poi ragazzi e adulti che nel loro lungo percorso hanno saputo con le loro conoscenze, l’anima, l’amore, i prodotti del territorio a disposizione, poveri o ricchi che fossero, costruire ricette e preparazioni inventandosi soluzioni straordinarie.
Un segreto ve lo posso raccontare, questo è il mio tesoro, ovvero spesso mie ricette nascono dal grande insegnamento di questi umili sconosciuti, come lo erano i miei nonni calabresi, le mie zie attuali, tutti gli appassionati di cucina che incontro e che nel loro “spadellare” ci mettono un anima e uno spirito che molti miei colleghi a fatica sanno cosa sia.
Per quanto mi riguarda la grande cucina la fanno questi umili sconosciuti, non i celebrati e patinati chef che trovate spesso alla ribalta dei giornali e delle televisioni, loro fanno un ottimo lavoro di ricerca e sperimentazione, ma la cucina dell’anima non è loro, per lo meno non di molti di loro che preferiscono rivendicarsi altri ruoli, in apparenza più altisonanti.
Comunque tornando allo specifico del dibattito il progetto si propone di creare un archivio della memoria della cucina Italiana, intesa quella reale di tutti i giorni fatta di mille sfumature e accorgimenti straordinari, utilizzando uno strumento divulgativo specifico.
Con riprese video fatte di interviste, filmati in diretta di preparazioni, aneddoti, racconti, passioni passate e attuali, si vogliono raccogliere le preparazioni tradizionali delle massaie (ma permettetemi il termine non va inteso solo al femminile, come non è vero che esistono solo grandi chef uomini e altrettanto non vero che le massaie di casa siano solo donne).
In sintesi raccogliere e raccontare la convivialità della cucina quotidiana tradizionale e evidenziare come questa sia il valore aggiunto della dieta mediterranea che ne fa la vera differenza con altre diete propagandate come rivoluzionarie dal punto di vista nutritivo per poi rivelarsi fallimentari da quello pratico proprio della convivialità.
Questo perché i tanti grandi studiosi nutrizionali, e me ne accorgo sempre di più leggendo i numerosi libri di nutrizione che ho sottomano, sottovalutano o non considerano affatto il ruolo che il cibo e l’alimentazione hanno per l’uomo.
Non sono solo un carburante che va scelto il più pulito possibile secondo criteri studiati e sperimentati, hanno a che fare con lo spirito stesso dell’uomo, espresso bene nella parola convivialità.
Trovate altre interessanti informazioni su questo progetto qui dove è anche presente il primo video relativo alla bella iniziativa.

Dieta mediterranea


Tags: , ,
Postato in Cibo, cultura e società, Confronti, Eventi | Nessun commento »

Aggiungi un commento