Un libro contro il caldo dell’estate

Scritto da Giuseppe Capano il 26 luglio 2015 – 12:13 -

Tartare colorata di peperoni 518 particolareUn consiglio per un libro adatto a queste giornate roventi dove stare vicino ai fornelli aumenta il disagio complessivo e rischia di scoraggiare anche i più grandi appassionati.
In questi giorni è una richiesta che in diversi privatamente mi hanno fatto e il mio consiglio, inutile dire interessato, ha avuto come protagonista il mio libro sulla cucina a crudo.

Precisiamo subito, non è un libro sul crudismo e sulla sua filosofia giusta o sbagliata che sia, semplicemente è un libro che raccoglie una serie di ricette provate e selezionate dove il contatto con la cottura è limitato al massimo.
L’obbiettivo era dimostrare che il concetto del crudo si può estendere a buona parte degli alimenti, in particolare quelli di origine vegetale, presenti nelle varie stagioni dell’anno.
La cottura non è bandita totalmente, ma quando presente è sempre in funzione utilitaristica, ovvero serve per apprezzare e assimilare meglio le parti a crudo della ricetta.
Il classico e lampante esempio è quello di un piatto di pasta, ovviamente cotta, con cui si può degustare al meglio un’ottima salsa di pomodoro, di erbe o oli aromatici preparati a crudo.
E questo con grande giovamento non solo del palato, ma soprattutto del nostro organismo, oltre a consentire di non accumulare altro caldo!!!.
Nei 2/3 delle oltre 100 ricette presenti la cottura non compare affatto, se non qualche volta per tostare velocemente e apprezzare meglio i semi come girasole e sesamo e la frutta secca come mandorle e pinoli, un esposizione al calore che in ogni caso si può scegliere di evitare.
Nelle altre ci si è imposto tempi di cottura il più possibile brevi, in ogni caso mai oltre i 25-30 minuti, tecniche rispettose dei nutrienti, come la cottura a vapore, e dove possibile la presenza di una parte della ricetta realizzata con elementi esclusivamente a crudo.
Caratteristiche complessive che delineano anche una cucina non solo dietetica e gustosa, ma tendenzialmente molto veloce e ben rispondente alle esigenze e alle problematiche di tempo e organizzazione tipiche della società moderna.
Mi piace, e ne sono particolarmente fiero, ribadire che tutto questo è in ogni caso caratterizzato dall’uso migliore che si possa fare dell’olio extravergine d’oliva.
Un alimento-condimento straordinario che soprattutto a crudo sprigiona il meglio degli aromi, dei profumi e delle intrinseche qualità organolettiche che possiede, senza contare il ruolo di prevenzione e regolazione di molte malattie sempre più riconosciuto e sottolineato dalla moderna scienza nutritiva.

Cover la cucina a crudo seconda edizione 518


Tags: ,
Postato in Libri | Nessun commento »

Aggiungi un commento