Viva la zucca!

Scritto da Giuseppe Capano il 13 ottobre 2013 – 23:55 -

Zucca sorridenteCome si sa ottobre è il mese della zucca, questo umile ortaggio un tempo sinonimo di pochezza e povertà è oggi ambito e ricercato, un riconoscimento meritato viste le sue notevoli doti.
A dire il vero è più spesso ricercato per imitare una festa d’oltre oceano su cui è inutile fare dietrologia, però bisogna ammettere che in molte occasioni toglie spazio e memoria a quelle che sono straordinarie tradizioni locali Italiane con significati molto più profondi e storici.

Per fortuna in molti paeselli, soprattutto qui sparsi in mezzo alle montagne, le tradizioni si cercano di tenere tuttora vive e anche se con grande fatica la zucca ritorna a essere buona memoria storica del tempo passato.
Così oggi ondeggiando tra le bancarelle di una festa locale ho ascoltato storie e tradizioni raccontate, magari a volte gonfiate e un po’ inventate, però nell’animo ho sempre scorta poesia e voglia di raccontare cercando di trasmettere amore per questo grosso e bitorzoluto ortaggio dalle forme più disparate e strane.
La poesia sposata alla terra sui cibi che la stessa terra regala è sempre alta poesia per me, vederla raccontata da giovani ragazzi entusiasti dei loro prodotti, magari portati alla luce dalla fatica di nonni anziani, è qualcosa di ancora più sublime e riporta a un senso che fa tanto bene al nostro benessere.
Tanto quanto le virtù della zucca, che magari racconterò meglio in un’altra occasione presentando una ricetta a lei dedicata.
Di questa intrigante giornata vi lascio però alcune delle immagini più belle.
Viva la zucca!

Panorama zucche 2013 pergine festa 518


Tags:
Postato in Appunti di viaggio, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento