Vivere meglio e più a lungo

Scritto da Giuseppe Capano il 21 dicembre 2011 – 23:48 -

Vino rossoUltimamente sto arricchendo la mia formazione con la lettura di una serie di libri che trattano il ruolo del cibo e degli alimenti nella prevenzione e, lo dico con molta cautela, in parte cura di molte patologie legate alla nutrizione.
La mia “casa di conoscenza” è già abbastanza costruita avendo scritto ormai una decina di libri che trattano questo argomento in collaborazione con medici, esperti di dietetica e nutrizionisti, ma il lavoro di indagine, confronto, crescita e formazione è ancora lungo e serve essere molto documentati se non si vogliono scrivere nozioni errate o fuorvianti.

Approfitto di questo lavoro anche per recensire gli stessi libri che leggo e mi servono per lavoro, in questo caso si tratta di un libro dal bel titolo, ma dai contenuti non semplicissimi malgrado l’autore lo abbia scritto con chiarezza divulgativa.
Il motivo principale è che si parla di sostanze antiossidanti naturali particolari contenute solo in circoscritti cibi che abitualmente consumiamo con l’alimentazione e quindi non è facile capire come mettere in pratica gli interessanti consigli e suggerimenti dati nel libro, diciamo che rispetto ai libri che personalmente sono abituato a scrivere gli manca quell’aspetto pratico e applicativo che poi rende facile al lettore capire la strada da seguire in cucina.
Malgrado questo è un libro che ribadisce ancora una volta l’importante ruolo di alcune sostanze naturali nel ridurre il rischio di molte malattie della società moderna fornendo dati, studi e risultati oggettivi.
Il concetto di fondo che affronta è il contrasto ai radicali liberi precursori e responsabili diretti di molte degenerazioni pericolose per l’organismo, contrasto che l’autore spiega risulta estremamente efficace tramite l’assunzione calibrata delle “Proantocianidine Oligomeriche” o più semplicemente OPC, sostanze contenute in particolare nei vinaccioli, nel vino rosso, nei mirtilli, nei bioflavonoidi degli agrumi e nella corteccia del pino marittimo.
Certo fa riflettere che ben due di queste sostanze riconducono a una pianta da frutto fortemente simbolica e ricca di storia per l’uomo come la vite, una pianta che credo riserverà ancora molte sorprese in futuro.
Nel frattempo invito tutti gli appassionati di sana alimentazione a documentarsi anche attraverso questo testo per capire meglio un complesso mondo fatto spesso di notizie contraddittorie (il vino ad esempio, a torto o ragione, è spesso al centro di accuse forti e negative o esaltazioni spropositate che al di la delle verità che contengono lasciano sempre un po’ interdetti), ma soprattutto perché le malattie che le OPC sembrano contrastare con molta efficacia sono una lunga e impressionante serie.
Per completezza vi lascio la chiara scheda con le informazioni editoriali essenziali, il libro invece potete acquistarlo comodamente qui.

Copertina vivere meglio e più a lungo

Le OPC (proantocianidine oligomeriche) sono tra le antagoniste dei radicali liberi più potenti e promettenti note alla scienza moderna. Si tratta in realtà di una famiglia di antiossidanti, presenti nei vinaccioli, nel vino rosso e nella corteccia del pino marittimo francese, molto più potenti delle vitamine C ed E da tempo considerate antiossidanti di altissimo livello. La forza unica delle OPC deriva dalla capacità di riciclare la vitamina C, di salvare la vitamina E dall’ossidazione e di estinguere una gamma di radicali liberi più ampia rispetto alla maggior parte degli altri antiossidanti.
Studi scientifici hanno dimostrato la capacità delle OPC di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, cancro, diabete, artrite, perdita di memoria e persino disfunzione erettile. Anche se queste malattie possono sembrare non correlate, il loro tratto comune è un livello inadeguato di antiossidanti.
Questo libro spiega in che modo i radicali liberi provocano le malattie, offrendo un’analisi approfondita della miriade di benefici terapeutici offerti da questo potentissimi antiossidanti nella lotta contro le malattie killer dei nostri tempi e nella protezione dei miliardi di cellule che compongono il nostro corpo.

 


Tags:
Postato in Libri, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento