2-3 cose sul prezzemolo

Scritto da Giuseppe Capano il 5 luglio 2017 – 10:07 -

Prezzemolo tritato 318Oggi vi voglio raccontare alcune piccole cose riguardo l’erba aromatica più usata in assoluto tanto da diventare protagonista di un proverbio o un detto molto diffuso e non solo nell’ambito della cucina, ma in tutti gli aspetti delle vicende umane.
Si tratta del prezzemolo che è molto più di un elemento aromatico in quanto il suo uso è spesso più in funzione di abbellimento estetico e decorativo grazie al bel colore verde e alla rara prerogativa di mantenere questo colore anche dopo essere stato lavorato e sminuzzato.

La capacità che ha di resistere all’ossidazione e al lavoro stressante del coltello testimonia la sua grande forza e tempra, ci sono però piccoli passaggi che è sempre bene ricordare.
Intanto la pulizia selettiva come primo passo in cuci le foglie si dividono con accuratezza dai gambi che non vengono però mai buttati via servendo ad esempio per la preparazione di ottimi brodi vegetali e fondi di cottura.
Le foglie verdi vanno poi delicatamente lavate e mai lasciate bagnate, si procede ad asciugarle con un canovaccio pulito piuttosto grande.
Dopo averle sistemate al centro si raccogliono i lembi del canovaccio in modo da chiudere a fagotto e si scuote per terra facendo fuoriuscire gran parte dell’acqua, più elegantemente potete usare una moderna centrifuga da insalata e poi dare un asciugata veloce con carta assorbente.
Si passa poi a tritare il prezzemolo con un buon coltello affilato impugnandolo come se fosse una mezzaluna fino a ottenere il tipico trito come vedete anche in foto.
Questo trito rimane però ricco di succhi del prezzemolo e quindi molto umido, meglio metterlo in un panno o carta assorbente e schiacciarlo con le mani in modo che i succhi siano assorbito e i minuscoli pezzi di prezzemolo sminuzzato siano ben sgranati.
A questo punto il prezzemolo è perfetto per tutti gli usi a cui è destinato, si conserva in frigorifero coperto da un panno umido per 2-3 giorni, in alternativa si può anche congelare anche se poi rimane impossibile di fatto usarlo per decorare.
Una idea carina se il prezzemolo è destinato prevalentemente come elemento insaporitore è quello di tritarlo con dell’aglio e poi congelarlo, in questo modo si avrà una combinazione in puro stile mediterraneo molto utile per la preparazione di verdure, ripieni, farce, marinate, condimento, bruschette e moltissimo altro!!!
Un piccolo appunto finale: quello in foto grande è prezzemolo riccio di uso più frequente in Francia che in Italia e di cui mi occuperò magari più in dettaglio prossimamente!

Prezzemolo riccio 518


Tags: ,
Postato in Alimenti, Cibo, Condimenti, Erbe aromatiche, Trucchi e consigli | Nessun commento »

Aggiungi un commento