Alimenti, dolore, buona salute

Scritto da Giuseppe Capano il 4 settembre 2012 – 10:25 -

Copertina libro dolore 318Il ruolo degli alimenti per il mantenimento di una buona salute è un dato acquisito e più che certo, rimangono da chiarire e definire con cura molti meccanismi e probabilmente alcune convinzioni di oggi saranno smentite dalle certezza di un domani.
Ma il dato certo rimane ed è tangibile e provabile su se stessi seguendo i tanti consigli che si possono dare e che in questo blog trovate spesso pur essendo in apparenza solo un blog di ricette.

Indirettamente, ma neanche tanto, la scelta corretta di una dieta alimentare (intesa come dieta di buona salute e non come miraggio dimagrante) influenza molto anche il superamento di stati di disagio fisico e patologico fino a toccare le interazoni con il dolore che ne è espressione diretta.
Non è quindi per nulla strano segnalarvi un libo che parla di come superare il dolore senza ricorrere ai farmaci tradizionali visto che gli alimenti, appunto, possono giocare un ruolo importante e non è un caso che nel libro compaiono spesso.
A cominciare dall’acqua che per molti è un elemento del tutto trascurabile e invece è base del funzionamento corretto di tante nostre funzioni organiche che la sua assunzione corretta e abbondante può influenzare direttamente.
Nel libro poi si parla, descrive e spiega molto bene il ruolo di tante altre sostanze nutritive, dalla camomilla alla straordinaria e potente curcuma, dal trascurato magnesio anima di molti ingredienti al riso rosso fermentato con i suoi provati effetti sulla riduzione di colesterolo e trigliceridi.
Da questo si deduce che spesso sono i derivati degli alimenti ad avere l’effetto più forte sul dolore, eppure se ci riflettiamo bene già ad alimentarci con i “genitori” delle sostanze antidolorifiche possiamo mettere in atto una strategia preventiva vincente.
Con il risvolto molto gradevole che se poi utilizzati all’interno di buone, gustose e profumate ricette di cucina riusciamo a unire il piacere tipicamente umano per il buon mangiare con tutto il positivo che la natura ci offre con i suoi frutti della terra.
E in questo senso spero che il mio lavoro vi possa essere di grande aiuto nel momento in cui vi suggerisco ricette che nel loro intimo partono da questi presupposti salutistici.
Il tema del post è però il libro che prima di illustrarvi oggi mi sono letto e riletto saltando piacevolmente da un argomento all’altro con ogni volta spunti di riflessione e accumulo di conoscenze notevoli e utili.
Per altro l’autore è un autorità enorme nel suo campo con un repertorio di libri impressionante specchio delle sue alte competenze e nel leggerlo personalmente mi sento nel posto più sicuro e garantito che ci sia.
Sto finendo di leggere un altro suo libro che presto vi presenterò, qualcosa che ognuno di voi dovrebbe tenere sul comodino e ogni sera sfogliare fino a tenerlo ben in mente.
Ma ve ne parlerò a suo tempo ora il consiglio forte e sincero è su questo utilissimo libro che spero non vi debba mai servire, anche se credo sia un miraggio pensare che si possa sfuggire al “segnale dolore”, ovvero l’avvertimento preventivo o tardivo del nostro corpo sugli sbagli comportamentali che stiamo portando avanti.
Lo trovate in vendita comodamente qui per altro in questo periodo con lo sconto del 15%.

Copertina libro dolore 518


Tags:
Postato in Libri, Mondo alimentare, Tecniche Nuove | 1 commento »
  1. 1 Trackback(s)

  2. set 10, 2012: Alimenti, dolore, buona salute | CookingPlanet

Aggiungi un commento