Alimenti ritrovati, un legume e un cereale

Scritto da Giuseppe Capano il 22 dicembre 2012 – 12:15 -

Roveja 318Mi sono arrivati da provare una serie di “alimenti ritrovati” così definiti perché nel tempo caduti in disuso per via di molte ragioni, dalla scarsa produttività alla fatica nel raccoglierli e conservarli.
Alcuni sono molto curiosi, altri già conosciuti e per me meno interessanti, in ogni caso hanno tutti una storia alle spalle e questa parola, storia, tenetevela bene stretta perché vi può salvare dal clima di segnali contradditori che spesso arrivano dal mondo dell’alimentazione.

La storia è una delle poche garanzie rimaste per basarvi sui vostri criteri di scelta e non ondeggiare al vento delle mode e delle opinioni passeggere.
Comunque tornando a noi due di questi alimenti ritrovati me li sono tenuti da parte e appena posso li proverò dedicandogli qualche ricetta specifica.
Il primo è la “Roveja” nome assai curioso per una sorta di piccolo legume tondo grande quanto un piccolo pisello e dal gusto di fava (almeno da quello che leggo dalle informazioni di accompagnamento).
Il colore varia con sfumature rossastre, verde scuro, marroni e grigie e si dice che il fiore della pianta sia di grande bellezza, pianta presumibilmente progenitrice del pisello comune ma la classificazione botanica è ancora incerta.
Di fatto si sa che l’abbandono di questo legume è dovuto alla estrema fatica del raccolto con steli lunghi spesso coricati a terra e di lunga selezione.
Potrebbe essere che ora si sia trovata una modalità meno onerosa, questo ancora non lo so, ma molto dipenderà dal valore in se come alimento, sia dal punto di vista nutrizionale che soprattutto gustativo, vedremo.
Il secondo prodotto è un cereale, un grano dai bellissimi chicchi marroni che danno l’idea di sostanza e fragranza della parte interna.
È il “Grano Turanicum” un cereale dalla storia antica che cresce spontaneo con una meravigliosa spiga dai grandi grani, un grano che ama il fresco e predilige le zone collinari con clima ventilato.
Qui l’abbandono è dovuto, presumibilmente, alla scarsa resa per l’economia, ma mi informerò meglio.
Comunque per ora ve li faccio vedere in foto e magari se qualcuno li conosce meglio di me e ha voglia di dare un contributo conoscitivo non è che il benvenuto.

grano-roveja 518


Tags: , ,
Postato in Alimenti, Cibo, Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | 4 Commenti »


4 Commenti per “Alimenti ritrovati, un legume e un cereale”

  1. Elena Scrive il dic 22, 2012 | Replica

    Sì la roveja la conosco, me la portarono in dono dall’Umbria un paio di anni fa…poi credo sia diventata presidio Slow Food o qualcosa del genere…feci una zuppa che era la fine del mondo…aspetto la tua ricetta

  2. Giuseppe Capano Scrive il dic 23, 2012 | Replica

    Ciao Elena,
    grazie del racconto, così mi dai una testimonianza che mi può servire, la mia ricetta arriverà non subito, ma poi sarà presente nel blog.
    A presto e buone feste
    Giuseppe

  3. Antonio Scrive il mar 31, 2013 | Replica

    Sono un produttore molisano,mi farebbe piacere farti provare la nostra roveja.

  4. Giuseppe Capano Scrive il mar 31, 2013 | Replica

    Benvenuto Antonio,
    sarebbe interessante, dimmi come potremmo fare, senza impegno naturalmente, quando e come preferisci.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento