Ancora troppo sale sulle nostre tavole

Scritto da Giuseppe Capano il 22 ottobre 2012 – 18:47 -

Sale fino cucchiaino 318Oggi leggevo l’ennesima notizia riguardo all’uso e abuso di sale, è un tema che ho già trattato più volte su cui però vale la pena di tornare vista l’importanza che ha.
Una ricerca recente riafferma come nella dieta degli Italiani è costante la presenza di un quantitativo di sale superiore alle reali necessità con un consumo di circa il doppio delle dosi raccomandate dall’Oms.

La relazione tra un eccesso di sale nella dieta e un aumento del rischio cardiovascolare e di alcuni tipi di tumore è stato accertato ormai da tempo, ma sembra che questo elementare dato non sia recepito adeguatamente da parte della popolazione.
Per altro la stessa ricerca segnala come non ci sia neanche a controbilanciare questo eccesso un consumo adeguato di frutta e verdura che se non altro potrebbero in qualche modo attenuare gli effetti del sale con la buona presenza di  potassio che questi vegetali possono introdurre nella dieta.
La mancanza di un consumo adeguato di vegetali è in ogni caso un problema grande a prescindere da i benefici contro il sale che possono portare, non si tratta di diventare necessariamente vegetariani, piuttosto prendere coscienza del loro prezioso ruolo se si ha a cuore la nostra salute.
Come sempre però servono più esempi pratici che teorici, mi prendo un po’ di tempo e poi cerco di suggerirvi alcuni pratici modi per fare meno uso del sale e allo stesso tempo incrementare il consumo di alimenti vegetali.

Sale 518


Tags: ,
Postato in Condimenti e aromi, Cucina e salute, Mondo alimentare | 8 Commenti »


8 Commenti per “Ancora troppo sale sulle nostre tavole”

  1. mara Scrive il ott 22, 2012 | Replica

    Sono ormai 23 anni che seguo una alimentazione priva di sale e di alimenti che lo contengono.
    All’inizio è stato difficile eliminare il pane ed i formaggi ma poi è stata una vera scoperta scoprire il gusto del cibo.
    Trovo, dopo l’esperienza di queti anni, che il sale spesso copre il gusto dei cibi al posto di esaltarli.
    Quando ho iniziato la mia nuova alimentazione ho usato spezie ed erbe aromatiche per evitare di sentire la mancanza di sale ora anche quelle sono molto più limitate.
    In conclusione posso dire che questo mio problema di salute è stata una vera fortuna.
    Buona serata e grazie per questo blog.
    mara

  2. Giuseppe Capano Scrive il ott 23, 2012 | Replica

    Buongiorno Mara,
    la tua è una bella testimonianza anche molto affidabile e da esempio visto i lunghi anni passati, difficile non tenerne conto a chi ribatte il contrario.
    Personalmente non penso sia corretto eliminare del tutto il sale, le sue funzioni sono importanti, a volte vitali in alcune situazioni, il suo problema è il dosaggio e l’eccesso, quindi la gestione come alimento o integratore.
    Lo specifico perché molto spesso sento demonizzare gli alimenti che da cibo vengono fatti passare per veleni, succede spesso con il comune zucchero bianco ad esempio.
    Che in assoluto meno si consuma meglio è, ma da qui a parlarne come veleno c’è un abisso, soprattutto culturale e di scarsissima conoscenza della storia alimentare umana.
    A presto e grazie.
    Giuseppe

  3. Nadir Scrive il ott 23, 2012 | Replica

    Ecco questo è il mio tallone d’Achille! Amo i cibi salati, salatini e frutta secca salata … ho la fortuna di sapermi dire basta, ma se riuscissi a regolarmi bene sarebbe ancora meglio.
    Ciao :)

  4. Giuseppe Capano Scrive il ott 23, 2012 | Replica

    Ciao Nadir,
    resistere ai cibi salati non è facile in effetti, ma limitarli non è così difficile trovando sostituti più o meno validi, come il noto gomasio.
    Il problema piuttosto mi sembra quello che rispetto a un consumo eccessivo di sale non corrisponde un alto consumo di verdura e soprattutto frutta che se non altro riescono a riequilibrare una situazione negativa.
    Fermo restando che serve diminuire il sale quotidianamente i danni si amplificano proprio per la mancanza delle preziose sostanze naturali dei vegetali freschi, nel tuo caso però credo che almeno questo pericolo non ci sia!!
    A presto
    Giuseppe

  5. mara Scrive il ott 23, 2012 | Replica

    Gentile Giuseppe,
    concordo pienamente sul fatto di non demonizzare nessun alimento.
    Nel mio caso, avendo allora poco più di vent’anni,ho dovuto e voluto decidere di essere più rigorosa per poter eliminare molti farmaci che ero costretta a prendere. Per me la dose massima di sodio che posso introdurre in una giornata è inferiore al grammo.
    Sono felice di poter dire che con la sola alimentazione, ben variata è ricca di verdure e cereali integrali, sono riuscita a rimettermi in salute.
    Buona serata
    mara.

  6. Giuseppe Capano Scrive il ott 23, 2012 | Replica

    Cara Mara grazie ancora per questa precisazione, avevo ben capito il tuo caso e hai fatto molto bene a seguire questa strada che è rigorosa e difficile per certi versi ma piena di saggezza e dopo di piacevoli riscontri sensoriali, come quelli che hai testimoniato.
    Se permetti se mi dovesse capitare ti citerei ad esempio, spesso non ci si crede che un’altra strada è possibile.
    A presto
    Giuseppe

  7. mara Scrive il ott 24, 2012 | Replica

    Gentile Giuseppe,
    non mi crea nessun problema se dovessi citarmi.
    Buona giornata, a presto
    mara

  1. 1 Trackback(s)

  2. lug 15, 2013: Il miracoloso potassio che frutta e verdura ci regalano generosamente elemento, fissa, ipertensione, mondo alimentare, organismo, potassio, result, sale, storica - Italyan Style

Aggiungi un commento