Buon riso!

Scritto da Giuseppe Capano il 12 dicembre 2014 – 22:53 -

Piramidi barbate di riso nero 318Una delle ultime ricette realizzate ha visto nuovamente protagonista il riso nero, questa fantastica varietà che al di la del colore porta sapori e profumi intriganti in cucina insieme a un bel carico di fibre preziose.
Si perché il bello di questo riso è che si tratta di una versione integrale enormemente più ricca in principi nutritivi rispetto al classico raffinato bianco, nella cucina Italiana imprescindibile per preparazioni tradizionali come i risotti, ma pur sempre da limitare all’interno di una dieta equilibrata.

Il piatto è nato quasi per caso, il riso nero era già lessato rimasto da altre preparazioni, carote e cavolo era da tempo che volevo unirli in un piatto di riso, mentre lo zenzero nella mia cucina non manca mai e ci sono sempre buone scorte!
La variabile era la barbabietola, anche questa rimasta da una precedente elaborazione e malgrado il colore che andava a sovrapporsi a quello del riso nero ho pensato fosse una buona integrazione con il resto degli ingredienti.
Senza dimenticare i contributi nutrizionali che la rossa (o meglio viola) radice porta con se, abbondanti sali minerali tra cui sodio, calcio, potassio, ferro e fosforo, buone percentuali di vitamine come la vitamina A, C e quelle del gruppo B, ricchezza in antiossidanti e flavonoidi, nemici giurati dei radicali liberi e con molte altre virtù alle spalle
Sommate alle prerogative strategiche del cavolo, ai contributi stranoti delle carote e alle doti del riso ecco che abbiamo un piatto che racchiude in se un piccolo concentrato di virtù salutistiche e preventive.
Poi c’è il lato organolettico e qui il mix è parso più che vincente, lo zenzero rimane in sottofondo dettando il ritmo complessivo, la consistenza croccante del riso va a astretto braccetto con quella delle carote, il cavolo si fonde e si confonde con l’insieme e la crema di barbabietola avvolge il tutto in una sorta di coperta aromatica protettiva.
Mancava una presentazione un po’ diversa dal solito e il magico stampo a piramide ha risolto egregiamente, si poteva fare certamente di più come decorazione, ma la fretta a volte non consente di andare oltre!
Lascio magari a voi di sbizzarrirvi con l’inventiva decorativa e poi se ne avete voglia di raccontarmi come è andata!!!
Buon riso (in tutti i sensi….)!

 

Piramidi barbate di riso nero

Piramidi barbate di riso nero 518

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di riso nero venere integrale,
  • 4 foglie di alloro,
  • 2-3 carote medie,
  • 500 g di cavolo verde,
  • 1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato,
  • 120 g di barbabietole cotte,
  • 1 cipolla,
  • semi di zucca,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mettere il riso nero in una pentola con 600 ml di acqua fredda e le foglie di alloro pulite, cuocere a calore medio basso per 30-40 minuti fino a far assorbire dal riso tutta l’acqua.
  2. Nel frattempo pulire le carote e tagliarle a cubetti, lavare e tritare grossolanamente il cavolo verde, preparare lo zenzero, pelare le barbabietole cotte e frullarle con un poco di brodo riducendole in crema morbida.
  3. Sbucciare e tritare la cipolla, rosolarla in una padella insieme a 3-4 cucchiai di olio per 10 minuti circa a calore medio basso, aggiungere prima lo zenzero e subito dopo le carote e il cavolo, salare, coprire e cuocere per 15 minuti circa.
  4. Unire il riso nero cotto e buona parte della crema di barbabietole lasciando sul fornello ancora qualche minuto e regolando di sale.
  5. Servire pressando in uno stampino a forma di piramide o altro e circondare con alcune

Tags: , , , , ,
Postato in Primi, Ricette senza Glutine, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | 2 Commenti »


2 Commenti per “Buon riso!”

  1. Maria Buffin Scrive il Dec 13, 2014 | Replica

    Quando parla di cavolo verde intende cavolo cappuccio o cavolo verza

  2. Giuseppe Capano Scrive il Dec 13, 2014 | Replica

    Buonasera Maria,
    intendo cavolo cappuccio, ma in questo caso devo dire che anche le foglie interne di un cavolo verza potrebbero andare bene.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento