Come ti trasformo la polenta

Scritto da Giuseppe Capano il 23 agosto 2014 – 23:00 -

Frittelline piatte di polenta estiva 318Oggi siamo di nuovo sullo stile velocità, improvvisazione, poco tempo e uso alternativo di ingredienti di base destinati solitamente a altro, insomma preparazioni tutto sommato semplici e che possono salvarci da situazioni difficili in cucina.
La base è in questa caso la farina per polenta, si lo ammetto precotta, ma di ottima qualità biologica e a macinatura grossa integrale, quindi con sostanza e gusto ben diverso dalla solita farina precotta e perfettamente raffinata trovabile al supermercato.

Era presente perché in precedenza stavo provando una serie di ricette sull’uso alternativo della polenta per un servizio che prossimamente uscirà su Cucina Naturale e quindi il caso ha voluto che nel momento del bisogno diventasse protagonista di questa ricetta.
Come sempre in questi casi ci si ritrova con la fretta di dover preparare in poco tempo qualcosa che non sia la solita banalità e allo stesso tempo contengo per quanto possibile elementi vegetali o cotture equilibrate.
Qui la cottura è un discreto compromesso, lo dico perché nell’occasione ero al mare e non avevo a disposizione un forno altrimenti è li che avrei preferito cuocere il tutto per limitare al minimo le quantità di grassi complessive.
Che comunque non sono state eccessive anche così grazie proprio alle doti ottime delle polenta che come preparazione va senz’altro rivalutata e valorizzata meglio perché riesce a dare spunti creativi e elaborativi notevoli.
E poi in ogni caso il grasso che ho usato era (e non poteva essere diversamente) dell’eccellente olio d’olive, anche questo in prova d’assaggio per un’altra rubrica che curo sul mio portale.
Di necessità virtù quindi portando con noi vantaggi tanti e poco svantaggi.
Velocità, uso originale di un elemento di base, semplicità complessiva e una certa attrazione che ad esempio ha sedotto completamente i bimbi seduti a tavola lasciando di stucco anche qualche preventivamente incredula nonna.
E che in cucina bisogna avere la saggezza di saper sempre osare.
Se si sa cosa e come fare!!!!

 

Frittelline piatte di polenta estiva

Frittelline piatte di polenta estiva 518

Ingredienti per 4 persone

  • 2-3 zucchine medie,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 1 grande mazzo di basilico fresco,
  • 600 ml di brodo,
  • 150 g di farina per polenta precotta,
  • olio extra vergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare le zucchine, dividerle a metà per il lungo e affettarle sottili, sbucciare e tritare l’aglio, rosolarlo velocemente in una padella con poco olio, aggiungere le zucchine e un pizzico di sale, trifolarle per 5 minuti abbondanti a calore medio e infine insaporirle con il basilico sfogliato e spezzettato.
  2. Portare a ebollizione il brodo, aggiungere la farina per polenta precotta e cuocere 5 minuti circa, unire le zucchine trifolate e lasciare sul fornello un altro minuto.
  3. Lasciare intiepidire la polentina e con le mani bagnate d’acqua formare delle polpettine piatte, da mettere nella stessa padella delle zucchine con un altro poco di olio.
  4. Dorarle da ambo i lati e servirle subito accompagnandole con un’insalatina di pomodori.


Tags: , ,
Postato in Antipasti, Ricette estive, Ricette facili, Ricette senza Glutine, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | 4 Commenti »


4 Commenti per “Come ti trasformo la polenta”

  1. Antonella Scrive il Aug 27, 2014 | Replica

    evviva! senza glutine e veg! le faccio stasera

  2. Giuseppe Capano Scrive il Aug 30, 2014 | Replica

    Ciao Antonella,
    imperdonabile ti rispondo con molto ritardo!!!
    Comunque spero siano state gradite se sei riuscita a provarle.
    A presto
    Giuseppe

  3. Antonella Scrive il Aug 30, 2014 | Replica

    sì buonissime, devo dire che la combinazione polenta-zucchine-basilico è a dir poco geniale! non ci avrei proprio mai pensato, insaporire la polenta con il basilico…

  4. Giuseppe Capano Scrive il Sep 1, 2014 | Replica

    Ciao Antonella,
    grazie a te per l’apprezzamento e la prova!
    Alla prossima ricetta gradita a te!!!
    Giuseppe

Aggiungi un commento