Cucinate l’anima, gustatela voi e lasciatela gustare agli altri

Scritto da Giuseppe Capano il 20 agosto 2014 – 23:04 -

Mani che impastano 318Rispondendo stasera a un commento di apprezzamento su facebook per una mia ricetta mi è venuto spontaneo riflettere sul fatto che forse tutti abbiamo bisogno di più cucina.
Cucina da gustare, ma anche cucina da fare per confrontare il mondo esterno con quello pratico e intimamente legato ai sensi come è lo sfamarsi e riversare sul cibo enormi pezzi del nostro sociale.

La violenza ad esempio di questi giorni è micidiale a livello mediatico e in generale la decadenza dell’informazione atterrisce.
Si discute per ore su un seno nudo, ci sono sproloqui di inutili parole su un assassinio e l’avidità dell’anima si ostina a vedere video e foto di terrore quasi fosse un mezzo per annegare la propria cattiveria dentro.
Abbiamo bisogno di più cucina non c’è dubbio, davanti al cibo e in particolare davanti ai sapori primordiali del cibo identici in ogni angolo del mondo siamo tutti uguali.
Oserei dire come di fronte alla morte.
Smettetela se potete di guardare un informazione che è violenza essa stessa, riflettete più con la vostra mente che ha dentro già tante sagge risposte di per se e mangiate di più sano cibo.
L’energia invece di lasciarla per scrivere o leggere stupidate, lasciatela per mettere la vostra anima in cucina e farla volare con i profumi e gli aromi che più gli aggradano!
Cucinate questa anima, gustatela voi e lasciatela gustare agli altri!

Lavori in cucina 518


Tags: , ,
Postato in Cibo, Cibo, cultura e società | Nessun commento »

Aggiungi un commento