Il buon grano saraceno in chicchi e una idea per portarlo a tavola

Scritto da Giuseppe Capano il 3 maggio 2017 – 11:13 -

Grano saraceno 318Tra i cereali in chicchi, che ricordo sono sempre la forma da prediligere rispetto a farine, fiocchi e altro, una preferenza particolare è sempre bene darla al grano saraceno malgrado sia molto frequente trovare questo ottimo alimento solo in farina macinata tradizionalmente molto usata nelle regioni del nord.
I chicchi sono all’origine della farina mantenendo come tutti i chicchi la loro integrità nutrizionale e di salute, sono molto caratteristici e si presentano con una caratteristica forma semi triangolare che li contraddistingue a colpo d’occhi da tutti gli altri.

In realtà il grano saraceno non è un vero e proprio cereale, un po’ come avviene con la quinoa altra eccellente e preziosa risorsa di recente introduzione in Europa, ma una pianta a se.
Le sue caratteristiche nutrizionali però sono assimilabili ai più comuni cereali con una buona quantità di proteine, assenza totale di glutine, basso indice glicemico, una benefica quantità di fibre, preziosi sali minerali come magnesio e potassio.
Molto interessanti i tempi di cottura in quanto i chicchi di grano saraceno cuociono mediamente in 15 minuti con un volume di liquido, acqua o brodo vegetale, di circa 2,5 volte (per semplificare 100 g di grano, 250 ml di liquido).
Una volta cotto si lascia riposare 5-10 minuti e poi si sgrana su un vassoio, se si desidera una sgranatura più marcata si aggiunge un poco di buon olio d’oliva.
Pronto e sgranato si conserva facilmente in frigorifero per alcuni giorni e si può rifinire all’ultimo momento con tutti gli ortaggi di stagione che si preferisce come anche con altri ingredienti a scelta come il pesce.
Per una indicazione pratica, prima di passare a presentarvi una ricetta appositamente dedicata ai lettori del blog, proviamo a immaginare un semplice abbinamento.
Per quanto in anticipo alcune varietà di zucchine coltivate al sud e pomodorini possono rientrare già da adesso nel contesto stagionale e con questi proviamo a combinare un veloce primo piatto.
Quindi grigliamo delle zucchine tagliate in fette non troppo spesse e una volta fredde tagliamole a striscioline e condiamole con uno spicchio d’aglio intero, poco sale e olio, foglie di menta fresca, copriamole e lasciamole marinare per 2-3 ore.
Tagliamo in spicchietti dei pomodorini e condiamoli con delle olive nere, olio, sale e origano, tritiamo grossolanamente delle mandorle già tostate.
Uniamo poi insieme il grano saraceno già pronto con le zucchine, i pomodorini e le mandorle e degustiamo consumando prima una semplice insalatina da aperitivo!!!

Grano saraceno 518


Tags: , , ,
Postato in Alimenti, Cibo, Cucina e salute, Mondo alimentare, Trucchi e consigli | Nessun commento »

Aggiungi un commento