Il libro dell’anno

Scritto da Giuseppe Capano il 29 dicembre 2012 – 11:10 -

Copertina Giovani-si-diventa 318È il libro dell’anno, almeno secondo il mio modesto parere, un libro prezioso e fondamentale per tutti quelli che hanno a cuore la propria salute, il buon vivere e di riflesso la buona cucina, anche se il collegamento in apparenza non sembra correlato.
Soprattutto è un libro scritto da chi ha autorevolezza alta e meritata, perché di libri simili, nel senso che cercano di affrontare un argomento simile, ne ho visti diversi in circolazione, magari scritti da personaggi del web o di altra derivazione mediatica che di autorevolezza non hanno nulla.

E lo dico con tutto il rispetto possibile per chi scrive e produce nel mondo del web e dei media, ma sinceramente competenza e autorevolezza non si acquisiscono solo perché in tanti seguono i nostri pensieri di vita o l’immagine scintillante data da un mezzo dei media.
Si conquista (almeno ancora adesso!!) con il lavoro serio di studio, ricerca, confronto, esperienza diretta, ascolto di maestri e persone più capaci, umiltà nel portare avanti progetti e idee.
È un po’ come in cucina, non si è Chef solo perché si sta in televisione un giorno si e l’altro pure, perché si raccontano tante sciocchezze in programmi del tutto discutibili, perché improvvisamente nel web qualcuno ha decretato che si è bravi e competenti!!
Il percorso come tutti i mestieri di mano e passione è fatto di lunghe giornate di lavoro in cucina, aspettative deluse, ambizioni, voglia di conoscere, scontri e incontri duri, scoperte e rivelazioni, fatica e stanchezza concreta, gioia e soddisfazione delle proprie creazioni, reali e non solo raccontate!
Detto e precisato questo passiamo al libro, il titolo è stimolante e ambizioso allo stesso tempo ma è esattamente l’argomento vero delle pagine interne, un excursus sui vari aspetti della vita che incidono in positivo o negativo sulla nostra buona esistenza in salute e serenità.
Che non è poco.
Naturalmente con una lunga parte dedicata all’alimentazione uno dei perni fondamentali per mantenersi negli anni in piena efficienza.
E in questo ambito i consigli saggi e preziosi non mancano, ma soprattutto si scopre (per chi non è già conoscitore di questi elementi) che le regole sono incredibilmente elementari e semplici, quasi banali e forse per questo a molti poco credibili, un paradosso che la dice lunga su quanta confusione si ha in testa.
Ad esempio è forse banale dire che la prima regola è mangiare poco, bene e poco, eppure è semplicemente così, già solo il seguire questa regola ci toglie di mezzo improvvisamente molti malanni strettamente legati all’alimentazione e al cibo oltre a essere una formidabile chiave di prevenzione e rendere del tutto inutili il 99% delle diete dimagranti in circolazione.
E la bellezza del libro, il perché è per me il libro dell’anno, è che tutto questo viene spiegato con estrema convinzione e soprattutto attendibilità delle fonti.
Per dare un’idea della bellezza e utilità del libro vi cito i 7 capitoli da cui è composto:

  • Le chiavi della giovinezza
  • Il corpo, specchio dell’età
  • Rimanere giovani mangiando correttamente
  • Ringiovanire con il movimento
  • Mente giovane, emozioni positive, buone relazioni
  • La casa della giovinezza
  • Le fonti continue di rinascita

E in ultimo una postilla sullo stile di vita centenario con i 12 segreti per vivere a lungo in piena forma.
Ora anche se non sembra in tutti i capitoli trattati il cibo gioca sempre un determinato ruolo, perché il cibo non è solo alimento organolettico, ma cibo è tanto altro, relazioni, cultura, socialità, movimento, confronto, aperture, tolleranza, comprensione, letture, viaggi e moltissimo altro.
E il vero segreto è proprio questo, sapere saggiamente alimentarsi di tutto, vedere il tutto come un cibo e sapere che noi come esseri non è del solo cibo alimentare che abbiamo bisogno, ma di tutto il cibo che questo mondo sa offrirci nelle sue varie e diverse espressioni.
Che poi per me il cibo sia passionalmente legato soprattutto alla cucina è solo un aspetto personale, nulla toglie al valore del cibo globale di cui dobbiamo sapere cibarci.
Sempre se vi vogliamo bene e ci teniamo ai nostri 100 anni.
Concludo con la riflessione che il libro è talmente valido che potrei andare avanti per un bel pezzo a descriverne i contenuti, ma questo lo lascio fare a voi se avrete voglia di sfogliarlo, per una comoda rintracciabilità e acquisto lo trovate ad esempio qui.
In ultimo metto la descrizione e presentazione ufficiale del volume.

Descrizione
La ricerca ha evidenziato che rimanere giovani nonostante il trascorrere degli anni, in una condizione di pieno benessere e salute, dipende in larga misura dalle scelte e dai comportamenti personali. Il libro spiega come realizzare un proprio progetto di longevità e benessere basato su sette fattori strategici.

  • Conoscere i propri punti di forza e di debolezza per scegliere uno stile di vita che assicuri la piena realizzazione di se stessi, mettendo a frutto tutto il potenziale di vitalità, ed effettuare valutazioni mediche periodiche .
  • Mantenere il corpo sempre giovane e in forma adottando le misure adatte per rimodellarlo continuamente .
  • Assicurare a tutte le cellule dell’organismo il nutrimento ideale, seguendo una dieta sobria, variata, naturale, vitale.
  • Ringiovanire grazie a una regolare attività motoria quotidiana, praticata senza frenesia o ansia .
  • Allenare la mente e mantenere un atteggiamento di serenità ed equilibrio emozionale .
  • Progettare una personale architettura della salute e del benessere creando un ambiente confortevole, sano e ordinato
  • Favorire la continua rinascita eliminando le scorie, rinnovando i tessuti invecchiati e facendo sì che sia il proprio organismo a produrre gli ormoni della giovinezza.

Copertina Giovani-si-diventa 518


Tags: , , ,
Postato in Cibo, cultura e società, Cucina e salute, Libri, Tecniche di cottura | 2 Commenti »


2 Commenti per “Il libro dell’anno”

  1. Nadir Scrive il dic 29, 2012 | Replica

    Passo veloce a lasciarti un saluto e l’augurio di un 2013 ricco di stimoli e di positività. Buon anno!

  2. Giuseppe Capano Scrive il dic 29, 2012 | Replica

    Grazie Nadir,
    ricambio con piacere e sapendo dei tuoi propositi spero che il 2013 vedrà realizzati tutti i tuoi progetti di lavoro e di vita.
    Buon anno e a presto.
    Giuseppe

Aggiungi un commento