Il ricordo passato di quando un pomodoro era un pomodoro

Scritto da Giuseppe Capano il 11 ottobre 2012 – 21:12 -

Pomodori mercato soverato 2012 318L’altro giorno mia suocera mi esortava a scrivere un pezzo sull’indignazione profonda che da qualche anno sta provando nei confronti del pomodoro.
No intendiamoci non nei confronti dell’ortaggio, ma di chi lo produce completamente finto e con una spudoratezza quasi vigliacca lo mette sul mercato fregandosene ampiamente del consumatore finale.

Così mi diceva che una volta i pomodori di fine estate erano i più buoni, avevano  caricato in se tutta l’energia positiva del sole, maturato aromi e profumi, magari ispessita la buccia, ma il carico che portavano nelle preparazioni era veramente notevole e mitico.
Ora si ritrova a cercare come una disperata questi pomodori, così al mercato ne trova di belli, perfetti, accattivanti, in apparenza profumati e pensa “come faccio a resistere, provo ancora!” per poi arrivare a casa e sprofondare nello sconforto, che è anche lo sconforto di pensare come sia possibile tutto questo.
Anche perché poi io continuo a sollecitarvi al loro consumo tramite le mie ricette e in effetti mi rendo conto che potrei crearvi più problemi che vantaggi, vista la situazione del mercato.
D’altra parte come si fa a resistere a non usare questo magnifico rosso ortaggio?
La stagione dei pomodori è ormai al suo termine definitivo, una stagione eccezionalmente calda e lunga ne ha prolungato oltre il limite normale la loro naturale presenza, quindi per un bel po’ il problema non si dovrebbe porre se fossimo tutti coscienziosi in questo senso.
So bene che così non è e si correrà lo stesso a comprare tonnellate di pomodori freschi anche in pieno inverno.
Riflettete però, la colpa è senz’altro in buona parte del settore produttivo se ci arrivano pomodori di stagione scadenti, ma noi non abbiamo le nostre sacrosante colpe quando pretendiamo di acquistare pomodori a gennaio e li vogliamo belli, succulenti e profumati come in piena estate?
Ovviamente la piena estate di tanti, tanti anni fa!

Pomodori mercato soverato 2012_04 518


Tags: ,
Postato in Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | 2 Commenti »


2 Commenti per “Il ricordo passato di quando un pomodoro era un pomodoro”

  1. Nadir Scrive il ott 13, 2012 | Replica

    Quest’anno i miei pomodori estivi son stati quelli del mio orto, brutti e con la buccia spessa, ma che spettacolo il sugo fatto con loro! Un paio di settimane fa ne ho raccolto circa 4 kg e trasformati in conserva, durerà poco ma potrò ancora godere della loro bontà. Poi opterò per i pomodorini in scatola … e le insalate aspetteranno la prossima estate.

  2. Giuseppe Capano Scrive il ott 14, 2012 | Replica

    Ciao Nadir,
    si infatti penso che il pomodoro come una volta resiste nelle sue forme vere proprio solo negli orti privati di chi nel suo piccolo sa coltivarlo con citeri opposti a quelli della grande distribuzione moderna.
    Quindi è una grande fortuna questa di cui essere ben coscienti, anche se sicuramente cosata fatica e impegno, ma è tutto un vantaggio.
    Io non riesco ad avere un mio orto, per cui un po’ ti invidio!
    In ogni caso è tutta salute per te e tutto gusto.
    A presto.
    Giuseppe

Aggiungi un commento