Istituire un premio alla stupidità alimentare

Scritto da Giuseppe Capano il 5 ottobre 2012 – 23:15 -

Carciofi 318Frequento Milano per lavoro essenzialmente, ci sono nato e vissuto per molto, ma poi sono riuscito a trovare una collocazione residenziale più consona alle mie sensibilità e in città ci torno (purtroppo spesso) solo per progetti di lavoro.
Non spaventatevi non voglio parlarvi della mia vita, mi serviva il preambolo per spiegare il perché della riflessione alimentare che ora vi racconto.

Salendo su e giù per tram e autobus (in città mi muovo solo con i mezzi pubblici) è abbastanza difficile rimanere indifferenti al continuo bombardamento di pubblicità (essenzialmente pubblicità) fornita dalle piccole televisioni che qualche genio commerciale ha pensato di installare all’interno di questi servizi pubblici in movimento.
Così ci ritroviamo “informati” a getto continuo delle migliori opportunità per spendere i nostri soldi, di quello che il destino ci riserva secondo l’oroscopo, dell’ossessione di sapere che tempo farà come se fosse il centro della nostra vita e ogni tanto (proprio ogni tanto) da qualche informazione teoricamente seria.
In questi ultimi giorni l’informazione “seria” ricorrente era l’esaltazione di un ortaggio tra i più virtuosi e benefici, di quelli che dovremmo mangiare in gran quantità sia a crudo che a cotto, le cui sorprendenti doti possono influenzare in positivo molte delle nostre difficoltà organiche, metaboliche, funzionali.
Che splendida notizia di per se si potrebbe pensare, tutto sommato ci becchiamo una valanga di pubblicità gratis, ma almeno veniamo informati in maniera corretta delle virtù di un buon alimento.
Eppure in tutto questo c’è un piccolo particolare, quanto piccolo dipende dalla sensibilità e ottica personale, che distrugge in un attimo tutto l’apparente buono della comunicazione visiva “obbligata”.
Aspetto due secondi giusto per lasciare un attimo di suspense e far correre ognuno di voi con la menta a cercare di quale particolare sto parlando.
Trovato, intuito, ipotizzato??
Va bene andiamo al sodo, l’ortaggio di cui parlavo è il magnifico Carciofo, propagandato a settembre (è il riferimento temporale in cui mi sono beccato questo bombardamento informativo) in piena “non stagione”, cioè quando il carciofo proprio non c’è se non quello artificiale di serra o importato da migliaia di kilometri lontano da noi.
Così immaginavo la massa di persone che suggestionate dalle allettanti informazioni sulle sue virtù si riversavano al mercato per cercare l’ambito ortaggio per poi accorgersi della sua scarsa disponibilità e senza capire bene il perché se ne vanta tanto la virtù e poi non lo si trova da acquistare.
Se fosse possibile (e tutto sommato sarebbe una bella idea, chissà!!!!) bisognerebbe istituire un premio alla stupidità alimentare, cioè votare il migliore interprete nel settore della comunicazione alimentare di perle (come questa) di ignoranza alimentare.
Credo che ne vedremmo delle belle, voi cosa ne pensate?

Carciofi fiori 518


Tags: ,
Postato in Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | 5 Commenti »


5 Commenti per “Istituire un premio alla stupidità alimentare”

  1. cry68 Scrive il ott 6, 2012 | Replica

    sono perfettamente d’accordo su cio’che dici. succede molto spesso. bisogna essere informati e intelligenti ha non prendere in considerazione cio’ che scrivono . spesso il falso. buona giornata cry68

  2. Giuseppe Capano Scrive il ott 6, 2012 | Replica

    Ciao Cry,
    più che il falso scrivono proprio la loro “non conoscenza” di quello che scrivono, un paradosso che è una serie malattia della comunicazione moderna in tutte le sue forme; ogni tanto farebbe bene stare zitti e ascoltare.
    Buona giornata a te
    Giuseppe

  3. Roberta Scrive il ott 11, 2012 | Replica

    Come sempre di fronte a queste cose inorridisco…..

  4. Giuseppe Capano Scrive il ott 11, 2012 | Replica

    Ciao Roberta,
    si hai ragione c’è da inorridire senza aver paura di esagerare in questo, sono all’apparenza piccolezze, ma poi è da queste piccole cose che si innesca un meccanismo di deriva alimentare difficile da fermare.
    Ho visto che ci siamo messi in contatto anche con facebook, bene.
    A presto.
    Giuseppe

  1. 1 Trackback(s)

  2. ott 10, 2012: Istituire un premio alla stupidità alimentare | CookingPlanet

Aggiungi un commento