La frutta fa bene anche ai diabetici, se consumata in modo giusto

Scritto da Giuseppe Capano il 6 ottobre 2013 – 14:55 -

Insalata di autunnale all’aceto di menta con uva e noci 318Come preannunciavo ieri oggi vi presento una nuova ricetta in cui la frutta secca, le noci in particolare, per quanto in apparenza marginale è fondamentale al buon risultato complessivo.
Per il gusto naturalmente, ma soprattutto per portare un contributo sensibile dal punto di vista salutistico e preventivo al cibo preparato che consumiamo.

Contributo collettivo, nel senso che insieme all’uva presente e al radicchio è tutto teso a minimizzare i rischi e la degenerazione di una malattia che sempre più sta diventando una drammatica realtà per molte persone.
Strettamente legato all’alimentazione (nella sua variante di tipo 2 più diffusa) il diabete ha una relazione diretta con l’ipoglicemia a sua volta una condizione che dipende da quanti zuccheri (intesi come sostanze nutritive non tanto come dolcificanti) vengono introdotti nell’organismo.
La questione degli zuccheri si è posta più volte rispetto al consumo di frutta, notoriamente dolce, e nell’assenza di una risposta chiara spesso si è teso a sconsigliare o limitare la presenza in tavola di questi alimenti.
Un consiglio e suggerimento che contrasta con la fortissima raccomandazione, avvallata da un numero elevato di studi attendibili, che sprona il più possibile a contemplare nella dieta quotidiana un numero di porzioni di frutta e verdura che come minimo deve essere di 5 unità e possibilmente di 7-8.
A dissipare la questione ci ha pensato un nuovo studio portato avanti da ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston e pubblicato sul British Medical Journal in cui viene chiarito una volta per tutte che non è la quantità di frutta ingerita a influenzare il rischio di diabete di tipo 2, ma in che forma viene consumata.
Se volete approfondire oggi sul Corriere della Sera all’interno del supplemento salute nella pagina alimentazione si parla e approfondisce proprio questo aspetto e come succede spesso ormai è presente anche una mia ricetta a supporto di quanto raccontato.
La stessa ricetta che vi presento oggi qui e che penso gradirete molto.

Insalata autunnale all’aceto di menta con uva e noci

Insalata di autunnale all’aceto di menta con uva e noci

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di uva rosata a chicchi piccoli,
  • 8 noci,
  • 1 cespo di radicchio rosso di Treviso e 2 di indivia belga,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 5-6 cucchiai di aceto,
  • 12 foglie di menta fresca,
  • sale

Preparazione

  1. Sbucciare e tritare l’aglio, rosolarlo velocemente con 2 cucchiai d’olio, aggiungere l’aceto e cuocere brevemente riducendo della metà.
  2. Unire all’aceto le foglie di menta lavate e tritate, lasciare raffreddare.
  3. Affettare il radicchio rosso e l’indivia ben lavati, condirli con la salsina di aceto alla menta e un pizzico di sale mettendoli in 4 coppette.
  4. Aggiungere i chicchi d’uva (ben lavati, asciugati e, se lo si preferisce, tagliati a metà per eliminarne gli acini), mescolati con le noci tritate ed un cucchiaio d’olio.
  5. Se lo si desidera, si può completare con 40 grammi di parmigiano a scaglie.

 


Tags: , , ,
Postato in Antipasti, Corriere della Sera, Insalate, Ricette senza Glutine, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | Nessun commento »

Aggiungi un commento