La mente è la base anche in cucina

Scritto da Giuseppe Capano il 16 dicembre 2013 – 23:01 -

Cover il potere della mente 318Quando a suo tempo ho compilato una lista e richiesto alla responsabile dell’ufficio stampa della casa editrice con cui collaboro una serie di libri da poter leggere e recensire sul blog giustamente è sorta una domanda del tutto legittima da parte della gentilissima responsabile un po’ stupita dall’insolito elenco.
Ovvero come poteva esserci un collegamento tra alcuni temi di questi libri e la cucina o comunque il mondo alimentare a 360 gradi?

Ammetto che può sembrare difficile trovare dei collegamenti, ma personalmente sono fermamente convinto che la cucina è un perfetto specchio di tutto il mondo esterno e da questo mondo, per quanto in apparenza lontanissimo, ha molto da imparare e fare tesoro.
Ne è uno fulgido esempio il libro recensito in questo post che ha un titolo decisamente non alimentare, serioso e allo stesso tempo quasi mistico e filosofico.
Uno di quelli che sembrano fatti dai tanti finti guru della comunicazione o formazione che circolano nel mondo e magari in parte è anche così, eppure ha dentro strumenti preziosi e molto utili anche per il mio lavoro.
Ora prendete il titolo in senso de potenziato, intendo che non mira a farvi diventare dei dominatori delle menti altrui, semplicemente spiega con chiarezza e praticità quali meccanismi mentali si innescano nelle tante situazioni della vita, il perché si innescano e le devianze a cui portano.
Che sono fondamentalmente paura, ansia, rabbia e stress (poi tanto altro ovviamente), tutto dentro una mente che ha perso i riferimenti intelligentemente equilibrati che di per se ha, che tutti hanno.
E come si arrivi a costruire una serie di visioni distorte del mondo e degli altri in un gioco di castrazione della propria capacità di vivere con più serenità le vicende della vita e allo stesso tempo riuscire a capire più in profondità ciò che succede intorno a noi evitando come primissima cosa l’enorme tranello di giudicare solo dalle apparenze o dalle nostre devianze interne.
A che serve in cucina?
A tantissimo, intanto a ritrovare un umanità che è si figlia della propria anima e del proprio spirito oltre che dell’energia innata in ogni essere, ma che senza il supporto della mente si smarrisce alla velocità della luce.
Un umanità che fa capire meglio la dimensione personale di chi con noi collabora in cucina, il nostro ruolo reale, il modo di organizzare e migliorare la progettualità del lavoro, il come e il quando saper intervenire nelle tante situazioni difficili che il lavorare in cucina porta con se.
E questa umanità ritrovata con l’aiuto della mente serve anche a dialogare meglio con alimenti e cibi, a incanalare la propria grande passione sulle vie più sensate, a capire quali errori, per quanto in buona fede, si commettono o si rischia di commettere.
All’inizio del libro c’è un estratto del pensiero di quel genio che è stato William Shakespeare che trovo esemplare: “…non vi è nulla di buono o cattivo che il pensiero non rende tale.”
Perché anche in cucina non vi è nulla di buono o cattivo che la presunzione di sapere e la diffidenza di non voler conoscere non rende tale.

Di seguito la presentazione ufficiale, per l’acquisto potete, invece, andare qui.
La mente può agevolare oppure ostacolare il successo. Il nostro modo di pensare condiziona la nostra vita e il raggiungimento dei nostri obiettivi. La mente, oltre a essere memoria, è anche centro di elaborazione di sensazioni, per cui se vogliamo ricordare di più ed essere meno preoccupati e necessario seguire alcune tecniche che aiutano a ottenere questi risultati. Il potere della mente spiega come fare.
L’autore non frastorna il lettore con concetti astrusi, accademici o con nuove filosofie esoteriche alla moda, ma parte da presupposti reali e quotidiani e analizza le situazioni esistenti che possono essere affrontate in maniera concreta. Per esempio imparare a prendere il controllo della paura e dell’ansia, migliorare le relazioni nella vita personale e in quella lavorativa, sviluppare capacità di analisi e di ricordo e molto altro ancora.
La mente e il modo di pensare sono un indicatore di come ci sentiamo, di come operiamo e di cosa diciamo. Migliorare la mente significa migliorare la nostra vita.

Mente alimenti 518


Tags:
Postato in Libri, Tecniche Nuove | Nessun commento »

Aggiungi un commento