La pasta fatta con il Teff

Scritto da Giuseppe Capano il 20 marzo 2018 – 08:05 -

Teff chicchi crudo 518Il mondo della pasta confezionata e secca, per intenderci la pasta come si immagina quando si parla del nostro piatto nazionale conosciuto in tutto il mondo dagli spaghetti ai voluminosi paccheri, è in continuo fermento assetato di novità per rilanciare un prodotto rimasto per molto tempo ancorato a un unica versione.
Quella tradizionale a base di grano duro, il che non è che sia assolutamente un male di per se, il punto è che le esigenze nutrizionali nel frattempo si sono evolute e diverse problematiche prima sopite o poco conosciute sono diventate conclamate.

Il caso più conosciuto è quello relativo alla celiachia con la problematica gestione dei pasti senza glutine e la più che comprensibile nostalgia per un bel piatto di pasta fumante.
Ma molte altre esigenze sono correlate al desiderio di consumare la nostra amata pasta senza incorrere in problematiche varie legate anche semplicemente a un impatto glicemico poco funzionale alla salute.
Così tanti produttori si sono e si stanno ingegnando nell’uso di farine alternative per la produzione dei classici formati di pasta secca.
A breve farò un approfondimento sul filone che mi pare più interessante in assoluto, la produzione di pasta partendo dalle farine di legumi denaturate.
Intanto mi ha colpito una notizia altrettanto integrante che vede la realizzazione di alcuni formati di pasta molto comuni con l’utilizzo della farina di teff.
Una pianta che nasce come origine nei territori che si estendono tra Etiopia e Eritrea e fino a ieri rimasti quasi del tutto li confinata.
Appartiene di fatto al mondo dei cereali e ne esistono due varietà, una bianca e una rossa da cui si ottengono farine sia chiare che scure.
Pregi nutrizionali fondamentali del teff sono l’alta percentuale in proteine con una ricchezza molto alta di aminoacidi essenziali, l’assenza di glutine, l’apporto notevole di fibre, calcio e ferro particolarmente assimilabile.
Con questa farina ora si riesce appunto a ottenere una buona pasta la cui qualità sembrerebbe garantita dai lunghi tempi di cottura necessari.
Sono intorno ai 14-16 minuti come tra le migliori qualità a base si grano duro, non mi resta che aspettare di provarla e poi farvi sapere meglio!

Cucchiaino teff 518


Tags: , ,
Postato in Alimenti, Cibo, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento