Le anime degli uomini giusti sono anche nelle ricette

Scritto da Giuseppe Capano il 25 aprile 2013 – 23:18 -

Spaghetti alla chitarra con pistacchi, pomodorini e tofu affumicato 318Ho passato la mia infanzia in un periodo in cui la giornata di oggi era ogni volta da brivido, sentivo i grandi parlare ancora con un coinvolgimento emotivo fortissimo.
Mi sembrava quasi di rivivere quelle storie di uomini, persi spesso tra montagne, sentieri, ruscelli, boschi, baite, freddo, paura, malinconia e sogni.

Vivere e lottare per qualcosa in cui si crede e sapere di poter morire violentemente dopo poche ore deve essere una condizione spirituale difficile da capire per chi oggi ha tutto, ma pensa di non avere nulla.
Io da piccolo ho sognato molto quegli uomini e quelle donne, ho visto dentro di me il loro vissuto e non nego che quando creo piatti in qualche modo ho la sensazione che il loro sacrificio apporti al risultato organolettico finale un contributo non indifferente.
È una bella sensazione, per mia fortuna.
Per molti quelle storie appartengono ormai a un mondo molto lontano che non ha più senso enfatizzare oltre le formalità apparenti.
Credo che sia una questione di amore che manca, intanto per se stessi e poi per il paese in cui si vive, in un momento difficile e complicato.
Sarebbe bello che anche solo l’1% del coraggio di quegli uomini tornasse tra noi.
Per non sprofondare in retorica mi limito a celebrare e ricordare a modo mio, prendendo la foto di uno dei più soddisfacenti piatti usciti dalle mie mani e dedicandolo a quanti hanno per noi bruciato i loro sogni.
Dentro i colori del nostro paese, come anche gli aromi e la filosofia di base rappresentata dalla madre pasta simbolo della cucina Italiana.
In un altro momento pubblicherò la ricetta, ma ora preferisco che ci sia l’omaggio.
Dentro questa ricetta ci sono le anime di quegli uomini, io ne sono convinto.

Spaghetti alla chitarra con pistacchi, pomodorini e tofu affumicato 518


Tags:
Postato in Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento