Le buone ciliegie da consumare adesso

Scritto da Giuseppe Capano il 12 giugno 2017 – 21:27 -

Ciliegie 06-2017 318La vicina ancora una volta ci ha deliziato con un gradito omaggio e ha portato un carico cospicuo di rosse ciliegie appena colte dall’albero che con il caldo di questi giorni non è cosa da poco e per questo la nostra gratitudine è ancora più grande e sentita.
Questi frutti esclusivi sono tra gli omaggi della natura più caratteristici di questa stagione e solo ora le possiamo trovare nel loro pieno sapore e fragranza, un merito eccezionale che le tiene ancora saldamente ancorate a un concetto di terra, produzione, senso dei cicli ambientali.

A parte quelle provenienti in minima parte da paesi molti lontani negli altri mesi dell’anno non si trovano ciliegie e almeno da parte loro si pone un freno alla follia di volere tutto sempre a prescindere dai cicli naturali.
Visto che ne parlo volevo darvi alcune indicazioni di massima a cominciare dalla scelta dove la prima regola è evitare l’acquisto di frutti non completamene sviluppati e duri perché la maturazione non prosegue una volta che i frutti sono stati staccati dalla pianta.
La buccia deve essere lucida con colore rosso più o meno intenso in base alle varietà, il peduncolo ben attaccato al frutto e di colore verde acceso, al contrario frutti molto maturi con picciolo vistosamente deteriorato o mancante sono chiaramente esemplari vecchi o conservati a lungo.
Se non consumate subito per la conservazione bisogna evitare il lavaggio o il contatto con l’acqua, sembra scontato ma non lo è, poi preferibilmente meglio stendere in uno strato unico i frutti senza ammassarli fatto salvo lo spazio che avete a disposizione.
Le tipologie che è possibile trovare sul mercato sono molteplici e dipendono anche dalle zone geografiche di origine, quest’anno non sembra un annata molto fortunata per cui è probabile che non tutte le tipologie saranno presenti, iniziamo a vedere quindi quella forse più rinomata, la varietà Durone che si distingue in nera e rossa.
La prima  molto conosciuta, celebre e pregiata è presente sul mercato per tutto il mese di giugno e parte di luglio, tipica del comprensorio di Vignola, in provincia di Modena ha una consistenza dolce e carnosa con buona succosità, buccia e polpa con un tipico colore rosso-scuro tendente al nero da non farsi scappare se si trova appena colta.
Le rosse Sono ciliegie molto diffuse e apprezzate per la croccantezza e la succosità della polpa e si trovano sul mercato da fine maggio, quindi spesso in anticipo rispetto a altre varietà.
Al colore della buccia rosso vermiglio più o meno intenso corrisponde una polpa chiara e tendente al rosa con una buona consistenza e un sapore particolarmente dolce e succoso.
Entrambe hanno per fortuna una discreta tolleranza alla conservazione e in casa possono essere riposte a temperature da frigo più fredde fino a 1 settimana circa.
Si tratta di un piccolo accenno ovviamente rispetto alle tantissime varietà presenti, non voglio però stare qui a farvi un elenco fine a se stesso, piuttosto domani o al più mercoledì vedo di presentarvi una ricetta con le ciliegie ricevute in omaggio.
Dolce o salata chissà!!!

Ciliegie 06-2017 518


Tags: ,
Postato in Alimenti, Cibo, Frutta | Nessun commento »

Aggiungi un commento