Mangiatutto

Scritto da Giuseppe Capano il 9 luglio 2017 – 07:52 -

Piattoni 318Sotto la denominazione di “mangiatutto” si celano alcune varietà di legumi molto particolari che di fatto legumi non sono considerati essendo per la maggior parte delle persone comuni verdure che tra la primavera e l’estate abbondano nei mercati con il loro bel colore verde.
Colpiscono per quella forma particolare che ricorda subito un fagiolino schiacciato da cui in termini dialettali alcune volte prendono il nome e l’idea, tutto sommato molto corretta, di essere ben facili e pratici da cucinare prestandosi all’abbinamento con molti altri ortaggi della bella stagione.

Sotto questa categoria si nascondono tuttavia specie diverse per origine famigliare, le nobili taccole derivano dai piselli e sono più presenti di solito in primavera con diverse varietà.
Sono caratterizzate da un largo e lungo baccello con semi appiattiti, spessore sottile, colore verde chiaro che in alcune tipologie si presenta però più vivace e forte, tessuti delicati, teneri e succulenti, lunghezza non eccessiva.
La composizione nutritiva è simile al pisello, ma la cosa molto interessante e preziosa per la salute è l’elevata presenza di fibra grazie al fatto che del vegetale si consuma tutto, i piccolissimi e piatti semi come il baccello.
La fibra aiuta sia a soddisfare la fame senza portare troppa energia, sia a introdurre sostanze benefiche per l’intero intestino ed in più è perfetta per regolarizzare le funzioni intestinali.
Oltre alla fibra abbiamo anche buone quantità di sali minerali come il ferro, vitamine importanti come la C e la B9, sostanze protettive come i caroteni.
Andando al di la dei contenuti squisitamente “tecnici” ci sono anche pregi nutrizionali e salutistici relativi alle spiccate proprietà toniche, epatiche e ricostituenti.
I cosiddetti piattoni e tipologie simili derivano invece dalla famiglia dei fagioli e sono considerati meno nobili delle vere taccole pur presentando le stesse caratteristiche a livello organico.
Cambia la consistenza più spessa e carnosa con semi interni più arrotondati, il sapore più rustico e incisivo, il colore a volte tendente più al giallo pur rimanendo di fondo verde, le dimensioni maggiori.
La loro reperibilità è molto più elevata delle taccole così come la presenza stagionale che si estende dalla primavera a tutta l’estate inoltrata.
E anche se le taccole rimangono regine dei mangiatutto a me i piattoni piacciono molto ugualmente tanto da comparire spesso nelle mie ricette stagionali come quella che vi presenterò domani, estremamente semplice e alla portata di tutti!!!

Piattoni 518


Tags: ,
Postato in Alimenti, Cibo, Mondo alimentare, Trucchi e consigli | Nessun commento »

Aggiungi un commento