Melissa subito in un dessert

Scritto da Giuseppe Capano il 13 giugno 2012 – 23:54 -

Coppette di melone, fragoline e menta Parlavo ieri della melissa e delle sue applicazioni in cucina, in particolare per valorizzare frutta e dessert di frutta di stagione dando una nota di limone diversa dal solito.
In attesa di provare le nuove ricette che ho già in mente ne rispolvero una precedente dove il buon dessert può essere valorizzato a scelta sia dalle melissa che dalla menta.

E infatti in foto vedete un bel ciuffo di menta che decora il dolce perché è questa la versione che insieme alla reazione abbiamo preferito per inserirlo con più armonia all’interno dell’articolo tematico che avevo scritto.
Qui invece preferisco suggerirvi di impreziosire il dessert proprio con la melissa sostituendo con essa la menta e lo zucchero con dorato miele giusto per rimarcare l’assonanza di cui scrivevo ieri.
Sapendo già che qualcuno arriverà a chiedermelo dico subito che in questo caso il miele può essere tranquillamente sostituito da malto, di riso direi.
Per il resto è un dessert molto rinfrescante aiutato in questo proprio dalla melissa, protagonisti di primo piano sono melone e fragoline di bosco e se non riuscite a trovare fragoline avete il mio permesso ad usare rossi e succosi lamponi o se amate l’acidulo dai splendenti ribes rossi.
Per oggi concludo qua con le parole e vi lascio subito alla ricetta.
Al prossimo post.

 

 

Coppette di melone, fragoline e melissa

 

Coppette di melone, fragoline e menta

Ingredienti per 4 persone:

 

  • 30 g di zenzero fresco,
  • ½ limone,
  • 2 cucchiai di miele d’acacia,
  • 1 piccolo melone estivo,
  • 4 cucchiai di maraschino,
  • 20 foglie di melissa fresca,
  • 100 g di fragoline di bosco,
  • 25 g di cioccolato bianco

 

Preparazione

 

  1. Sbucciare lo zenzero e tagliarlo in fettine sottili, spremere il succo del limone e mescolarlo con 1 cucchiaio di miele e lo zenzero, lavare il melone, dividerlo a metà e eliminare i semi interni.
  2. Con uno scavino tondo ricavare una serie di palline dalla polpa e metterle in una ciotola, mescolarle subito con il condimento al limone, coprirle e lasciarle marinare in frigorifero.
  3. Eliminare completamente la buccia dal melone e tagliare la polpa non scavata in piccoli pezzi, frullarla finemente insieme al miele rimasto e il maraschino, quando pronta trasferirla in una ciotola in metallo, aggiungere le foglioline di melissa lavate e conservare in congelatore per 30 minuti senza far ghiacciare.
  4. Lavare delicatamente e asciugare con carta assorbente le fragoline, ridurre in sottili scaglie il cioccolato bianco, eliminare lo zenzero dalle palline di melone e distribuire la frutta in 4 coppette di vetro.
  5. Ricoprire con la salsa fredda  di melone, mettere nel mezzo le fragoline di bosco e su di esse le poche scaglie di cioccolato, decorare con altre foglie di melissa fresca e servire subito.

Tags: , , ,
Postato in Dolci e Dessert, Ricette Cucina Naturale, Ricette senza Glutine, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | 4 Commenti »


4 Commenti per “Melissa subito in un dessert”

  1. Nadir Scrive il giu 14, 2012 | Replica

    Ma questo è un invito a nozze, proprio oggi ho comprato dei piccoli meloni che coltivano in zona, se le mia piantine in giardino hanno le fragoline mature, la melissa c’è l’ho … la provo a razzo tra cena e colazione ;)

  2. Giuseppe Capano Scrive il giu 14, 2012 | Replica

    Bene, bene, aspetto tue notizie golose allora.
    A presto
    Giuseppe

  3. Nadir Scrive il giu 15, 2012 | Replica

    Fatto e mangiato! ma non avendo scritto la ricetta ho recitato a soggetto: melone, fragoline, melissa, sciroppo di mais mischiato tutto, versato nelle coppette di melone e gustato. Buono e leggero. ^____^
    Qualcosa di simile con lamponi e menta era tra le ricette a schede che uscivano con “buono&naturale” tanti anni fa. Ugualmente fresco e sfizioso

  4. Giuseppe Capano Scrive il giu 15, 2012 | Replica

    Grazie, una prova alle velocità della luce e un bello esempio di un dessert gratificante senza abbuffarsi di grassi e zuccheri e senza dover rinunciare a un po’ di piacere goloso. Spero sia d’esempio per tanti.
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento