Olio e donne in una profumata tartare vegetale

Scritto da Giuseppe Capano il 14 aprile 2011 – 15:10 -

Educational Riviera Ligure

Sono stato per un po’ assente dal blog, impegnato in iniziative e uscite varie che mi hanno impedito di seguire e scrivere nuovi post.
Tornato con molto materiale raccolto e belle esperienze comincio con il raccontarvi di un lungo weekend alla scoperta di una Liguria del lavoro nei campi, della fatica, del senso della storia, dell’orgoglio di produrre qualità e vivere di riflesso il suo impulso benefico. Il tema, immancabile ma per me è uno dei tre elementi imprescindibili in cucina, è stata la conoscenza approfondita dell’olio d’oliva D.O.P. Riviera Ligure.

Per tutti gli approfondimenti vi rimando al sito Cucina&Salute.

Educational Riviera Ligure

Tra la varia documentazione raccolta in questa occasione mi è piaciuta in particolare un piccolo volumetto dedicato al lato femminile dell’olio, che si può tradurre anche con gentilezza, eleganza, rispetto, consapevolezza del fare e riconoscimento del valore senza perdere memoria.

L’ispirazione venuta fuori di getto ma ha spinto a creare una leggera, profumata e equilibrata ricetta in cui valorizzare l’ottimo asparago.

Naturalmente la ricetta è dedicata a tutte le donne.

Vi segnalo, per finire, altre mie 2 ricette con protagonista l’asparago reperibili sul sito di Cucina Naturale:

Tartare vegetale alla ligure

Tartare vegetale alla ligure

Foto Copyright : Chef Giuseppe Capano

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 g di mozzarella di qualità,
  • 400 g di asparagi verdi possibilmente selvatici,
  • 2 carote medie,
  • 1 cucchiaino di buccia di limone grattugiata,
  • 1 mazzetto di menta fresca,
  • 2 cucchiai di olive taggiasca snocciolate,
  • olio D.O.P. Riviera Ligure,
  • sale.

Preparazione:

  1. Tagliare la mozzarella in dadini molto piccoli e metterla in un colino a perdere il liquido di conservazione, mondare gli asparagi scartando la parte finale dura, lavarli e lessarli o cuocerli a vapore per 2-3 minuti circa conservandoli croccanti e sodi.
  2. Sbucciare le carote e tagliarle in dadini piccoli, metterle in un pentolino con ½ bicchiere di acqua e cuocerle fino a far assorbire tutto il liquido.
  3. Preparare la buccia di limone e condire gli asparagi tagliati in dadini grandi come le carote unendo anche 1-2 cucchiai di olio e un pizzico di sale.
  4. Sfogliare e lavare la menta fresca, tritarla insieme alle olive snocciolate, condire le carote fredde regolando di sale e unendo poco olio, condire la mozzarella con poco olio.
  5. In uno stampo ad anello formare uno strato di carote, uno intermedio di mozzarella e uno finale di asparagi, pressare, togliere delicatamente l’anello e servire accompagnando con pane a piacere.

Tags: , , , ,
Postato in Antipasti, Eventi, Olio-Cibo, Ricette di stagione, Ricette senza Glutine, Ricette senza Uova, Ricette vegetariane | 2 Commenti »


2 Commenti per “Olio e donne in una profumata tartare vegetale”

  1. Michele Tuveri Scrive il Mar 20, 2012 | Replica

    ciao Giuseppe, la foto mi ispirava bene e spero di prepararmi presto questo piatto. Ho una curiosita’ sulle olive, dato che pensavo che taggiasche fosse il tipo, o la specie: le intendi in salamoia? In qualche altra preparazione?
    grazie
    michele

  2. Giuseppe Capano Scrive il Mar 20, 2012 | Replica

    Ciao Michele,
    si in salamoia, ci sono anche quelle sottolio ma l’obbiettivo della ricetta era quello di far sentire la bontà dell’olio ligure senza essere influenzati dagli eventuali oli di conservazione degli ingredienti usati. Se non le trovi snocciolate invece di 2 cucchiai ne puoi prevedere 3 da snocciolare.
    Giuseppe

Aggiungi un commento