Ravanelli superstar

Scritto da Giuseppe Capano il 27 agosto 2017 – 12:32 -

Rucola-ravanello 318In attesa di completare e fotografare la ricetta in tandem con rucola e ravanelli, ingredienti stagionali speciali rispetto ai dolori articolari e reumatici come raccontavo in questo precedente post, ne approfitto per raccontarvi alcune notizie in più sulle rosse e piccole rape così gustose e stuzzicanti.
Anche se le dinamiche di mercato ci fanno trovare in ogni periodo dell’anno i ravanelli sui banchi di vendita è la primavera estate la loro reale stagione di crescita e sviluppo quando possiamo trovarli nel loro massimo splendore di gusto e consistenza.

Solo nella loro stagione si ritrova pienamente il sapore delle rosse radici rotonde leggermente e piacevolmente piccante, lo stesso sapore ritrovabile nelle foglie che si possono consumare cotte in zuppe, frittate, sformati o crude in insalata se non sono troppo vecchie, ingiallite o lacerate.
Come già ricordavo i ravanelli appartengono alla stessa famiglia delle crucifere come i comuni cavoli e questo fa intuire il carico di salute che si portano dietro: potenti sostanze antiossidanti, importanti vitamine come la A, il gruppo B e la C, ferro e zolfo.
Tutto questo aiuta la digestione stimolando in positivo la bile, porta una buona azione diuretica, contribuisce alla buona salute del fegato.
All’atto dell’acquisto accertatevi di non scegliere radici di ravanelli troppo grosse, le foglie devono essere verdi brillanti e non ingiallite oltre che ben attaccate alle radici.
L’uso in cucina può essere dei più diversi, ma certamente il consumo a crudo è quello che ne esalta meglio le qualità organolettiche.
Potete tagliarli in sottili fettine dopo averli lavati e conservarli per un po’ di tempo in acqua ghiacciata in modo da aumentare la consistenza croccante, un abbinamento accattivante oltre che con la rucola possiamo trovarlo con i fagiolini nelle loro diverse varietà.
Una volta lessati questi basterà mescolarli con i ravanelli, aggiungere delle foglie di menta fresca, un insalatina di campo, dei semi oleosi a scelta magari lievemente tostati, buon olio extravergine d’oliva e se volete rafforzare il tutto delle scagliette di formaggio stagionato.
Ma qui mi rendo conto di aver messo giù materiale per un’altra prossima ricetta e qui mi fermo per ora!!!

Duo di ravanelli 518


Tags:
Postato in Alimenti, Cibo, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento