Rispetto al post che pensavo di fare e che non farò

Scritto da Giuseppe Capano il 17 febbraio 2012 – 22:35 -

Rispetto al post che pensavo di fare e che non farò.
Perché intanto prima della professione e del diffondere nozioni di cucina c’è l’uomo e i suoi sentimenti e davanti all’addio di un amico che è partito per altri lidi bisogna necessariamente fermarsi e pur parlando di cucina parlare di lui.
Così senza voler fare tante parole a sproposito sono andato a ricercare una mia vecchia ricetta di un dolce che nel mio ragionare ho la presunzione possa rappresentare ciò che è stato.

Personaggio strano, difficile, pesante, buonissimo, strettamente legato al vino, come il dolce che vi presento qui.
Malgrado non vantassimo un’amicizia stringente era per tutto il gruppo di lavoro con cui mi ritrovo da oltre 20 anni in estate a Grosseto un pezzo di un mondo di solidarietà e disponibilità che sapeva incarnare al meglio.
Bisogna fermarsi e ricordare.
Trovate il testo della ricetta qui, assaggiandola capirete chi era.
Buon viaggio Cipo, ovunque tu sia diretto.


Postato in Ricordi | Nessun commento »

Aggiungi un commento