Se un frutto mangiato due volte fa più male di uno schifoso biscotto industriale

Scritto da Giuseppe Capano il 26 settembre 2014 – 23:12 -

Biscotti farciti 318Una settimana fa ero in una gita di piacere in un parco con i miei bimbi, una bella giornata per quanto nuvolosa, ma abbiamo colto la positività del tempo e consolati del fatto che il sole così non ci accaldava troppo.
Tutto bene, verso fine giornata però mi ha colpito molto una frase sentita dire con alta voce da un giovane papà alla sua piccola credo di 7-8 anni.

La cui colpa era reclamare un’altra banana, dopo la prima consumata precedentemente.
La risposta agghiacciante del padre è stata che un’altra banana non l’avrebbe mai ottenuta, ne aveva mangiata già una, ora se voleva per riempirsi lo stomaco c’erano dei famosi e squallidi biscotti industriali tondi al cacao farciti con una micidiale crema bianca.
Quindi o questi biscotti o niente, di banane e frutta la bimba ne aveva mangiata fin troppa!!!!!!!!
Avevo già scritto e riflettuto a luglio su questi aspetti dell’ignoranza alimentare che ci circonda non per deridere nessuno, sarebbe solo stupido farlo, ma per riflettere appunto su quanta strada va ancora percorsa, su quanti danni sono stati fatti, sulla fatica di innescare un cambiamento quando il cambiamento viene castrato fin dai primi anni di vita.
Se a luglio la riflessione riguardava una persona anziana, ora siamo di fronte a un giovane padre, credo smarrito anch’esso nella strada tortuosa e nebbiosa delle scelte alimentari corrette da fare e seguire.
La sua risposta è abbastanza sconvolgente per chi cerca nel proprio piccolo di indicare strade di saggezza alimentare, ma al di la di questo è una precisa denuncia di uno stato di cose che lascia i più indifferenti.
Poiché purtroppo l’alimentazione ha un forte e innegabile rapporto diretto con le malattie, soprattutto con quelle più brutte e invasive, la soglia di allarme in questo senso dovrebbe essere molto alta.
Questa confusione mentale sulla corretta alimentazione da seguire in prima persona e da far seguire ai propri cari pone molti interrogativi e dimostra la cecità istituzionale di uno stato, di una società e di un mondo generale.
Un frutto mangiato due volte fa più male di uno schifoso biscotto industriale?
Aiuto!!!!    

Banane - festambiente 518


Tags: , ,
Postato in Alimenti, Cibo, cultura e società | 2 Commenti »


2 Commenti per “Se un frutto mangiato due volte fa più male di uno schifoso biscotto industriale”

  1. Giuseppe M. Scrive il set 27, 2014 | Replica

    E’ vero Chef c’è troppa ignoranza, soprattutto nell’alimentazione dei propri figli. Mia madre non ha mai comprato omogeneizzati di carne, frutta o altro, ha sempre fatto tutto lei in casa, ci ha sempre fatto mangiare tutto e nelle giuste stagioni. I legumi erano una regola, purea di fave spacciata per purea di patate (ingannatrice!) e tanto altro. I genitori di adesso, che sicuramente hanno meno tempo dei miei, non sanno riconoscere la stagionalità di un frutto o ortaggio, hanno la pappa pronta comprata dal supermercato e non si preoccupano molto dell’alimentazione dei propri figli dato che li fanno contenti con l’Happy Meal. La cosa tragica è che poi a serate o conferenze dove si parla di sana alimentazione dicono: “ma mio figlio non mangia la verdura, i legumi e la frutta…” La risposta sarebbe: “ma li hai mai cucinati per tuo figlio?” Ovviamente non sono tutti così, menomale direi, ed è un bene che ora si parli più di cibo e salute anche se c’è ancora tanta falsa informazione, tanti falsi miti o fattoidi che fanno preferire il biscotto industriale alla banana.

  2. Giuseppe Capano Scrive il set 27, 2014 | Replica

    Ciao Giuseppe,
    si è proprio così, mi conforto devo dire sentire che in tanti ricordano il loro passato e la saggezza di genitori che almeno allora (forse anche per la costrizione di non essere benestanti come oggi!!) si occupavano con più cura di ciò che mangiavano i loro figli e soprattutto non cedevano ad alcun ricatto.
    Certo i figli di allora non erano bombardati e intontiti dalla valanga di aggressiva pubblicità che tocca oggi vedere, ma erano pur sempre bambini e il fatto di avere di fronte genitori attenti era ed è ciò che conta realmente!!
    Aggiungo solo che una buona attenuante a difesa di chi non sa o non riesce a capire è l’enorme confusione di informazioni spazzatura che circolano sui media, a cominciare purtroppo da internet. Un dato tristissimo e devastante!!!
    A presto

Aggiungi un commento