Spinaci verde speranza

Scritto da Giuseppe Capano il 19 febbraio 2014 – 16:42 -

Spinaci cotti 318Vi racconto oggi un po’ degli spinaci e di un progetto che continuo a seguire, ma che presto è probabile debba lasciare per un accumulo di impegni non più conciliabili.
Degli spinaci si possono dire tante cose, riallacciandomi al discorso della stagionalità di qualche post addietro in cui parlavo delle fragole a febbraio la prima osservazione (aimè negativa) riguarda la loro perenne presenza senza più alcuna referenza temporale.

Sono da questo punto di vista in compagnia di altri alimenti, il che non consola per nulla, piuttosto rattrista ancora di più, anche perché la bellezza del nostro territorio è da sempre il frutto di una dimensione stagionale precisa che scomparendo lascia dietro di se un deserto di non bellezza di cui dovremmo tenere conto.
Ma approfondisco in un altro momento se no mi perdo ancora per la rabbia.
Tornando agli spinaci sono sicuramente la verdura a foglia più usata e conosciuta, estremamente polivalente e adatta per la preparazione di piatti il cui unico limite è la fantasia.
Rileggendo un mio vecchio articolo di più di 10 anni fa vi riporto alcune note sulla loro cottura, direi ancora attuali e utili a chi vuole capire come utilizzarli al meglio.
Allora suggerivo questo: “la cottura degli spinaci è un passaggio delicato poiché si rischia di rovinare aroma e apporto nutritivo dell’ottima verdura. Grazie alla loro delicatezza non è necessario lessarli in abbondante liquido, la semplice acqua rimasta dal lavaggio sarà sufficiente a prepararli in poco tempo, avendo l’accortezza di metterli in una grande pentola e coprirli. È sufficiente una breve cottura di 4-5 minuti e una leggera strizzatura per non rovinare troppo le foglie. Solo in particolari occasioni si prolunga di un po’ la cottura e si pressano maggiormente. Per gustarli al naturale il consiglio e di servirli semplicemente caldo tiepidi con un ottimo olio da olive e una lieve macinata di sale grosso”
Di spinaci ne abbiamo utilizzato una buona parte nel corso di cucina per ragazzi disabili che seguo, abbiamo preparato una classica torta salata che domani riporterò con ricetta, per quanto sia una classica sequenza di ingredienti.
E sempre domani riparlerò (ho già raccontato in altre occasioni) di questo bel progetto sociale e di come in questo ambito degli spinaci si apprezzi in particolare il loro colore verde speranza!!!

Spinaci cotti 518


Tags: ,
Postato in Alimenti, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento